capelli

Cera un maledetto vento nel mio cuore
c’era troppo amore in fondo al mar rosso del cuore

soffiava in ogni direzione
tirava da destra
spingeva da sinistra
non capivo da quale parte venisse
inebriava al punto da confondermi
mischiarmi il sangue col dolore.

c’era un maledetto vento nel mio cuore
c’era troppo amore in fondo al mar rosso del cuore

e non sapevo come fermarlo
come calmarlo come lasciarlo andare via libero di me
eppure le finestre le imposte
le avevo lasciate tutte aperte
non riesco ad opporvi resistenza
perchè non avrebbe alcun senso legarlo

c’era un maledetto vento nel mio cuore
c’era troppo amore in fondo al mar rosso del cuore

non riesco a capire da dove arrivi
se non ho speranze se non lo nutro di illusioni, false canzoni
se non lo alimento di vane incertezze
vorrei capire come riesce a sopravvivere ancora
al logico cinismo, al freddo del mio abbandono.

c’era un maledetto vento nel mio cuore
c’era troppo amore in fondo al mar rosso del cuore.

 

Giuseppe La Mura 28 nov 2015
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

Annunci

Drinking in LA – Bran Van 3000

“Drinking in LA”

Hi, my name is Stereo Mike

Yeah, we got 3 tickets to the Bran Van concert this Monday night
at the Pacific Pallisades. You can all dial in if you want to answer
A couple of questions, namely,
What is Todd’s favourite cheese.
Jackie just called up and said it was a form of Roquefort.
We’ll see about that…

Give us a ring-ding-ding! It’s a beautiful day.

Yeah Todd, this is Liquid ring-a-ding-a-dinging
want those 3 Bran Van tickets man
waddya think?
Todd, you there?

I woke up again this morning with the sun in my eyes
when Mike came over with a script surprise
a mafioso story with a twist
a “Too Wong Foo,Julie Newmar” hitch
get your ass out of bed, he said:
I’ll explain it on the way

But we did nothing
absolutely nothing that day
and I’ll say
what the hell am I doing drinking in la
at twenty six?
I got the fever for the flavour
the payback will be later
still I need a fix

And the girls on the bus kept on laughing at us
as we rode on the ten down to Venice again
flaring out the g-funk
sipping on juice and gin
just me and a friend
feeling kinda groovy
working on movie
*yeah right!*

But we did nothing
absolutely butt kiss
that day
and I’ll say
what the hell am I doing drinking in la
at twenty six?
*With my mind on my money and my money on my, beer beer!*
I know that life is for the taking
so I’d better wise up
and take it quickly

*Yeah one more time at trader vics*

Some men there wanted to hurt us
and other men
said we weren’t worth the fuss
we could see them all bitching by the bar
about the fine line
between the rich and the poor
then mike turned to me and said
what do you think we got done son?

We’ve got a conclusion
and I guess that’s something
so I ask you
what the hell am I doing drinking in la
at twenty six?
I got the fever for the nectar
the payback will be later
still I need a fix

*We need to fix you up
call me monday
and maybe we’ll fix it all up*

L A
L A
L L A
L A
L A
L A
L L A
L A
L A
L A
L L A

So I ask
you what the hell am I doing drinking in la
at twenty six?

*These are mine, are mine!*

L A
L A
L A
L A

 

11/12/2018

Badge – Cream

 

“Badge”

Thinkin’ ‘bout the times you drove in my car.
Thinkin’ that I might have drove you too far.
And I’m thinkin’ ‘bout the love that you laid on my table.

I told you not to wander ‘round in the dark.
I told you ‘bout the swans, that they live in the park.
Then I told you ‘bout our kid, now he’s married to mabel.

Yes, I told you that the light goes up and down.
Don’t you notice how the wheel goes ‘round?
And you better pick yourself up from the ground
Before they bring the curtain down,
Yes, before they bring the curtain down.

Talkin’ ‘bout a girl that looks quite like you.
She didn’t have the time to wait in the queue.
She cried away her life since she fell off the cradle.

 

10/12/2018

lei.jpg

Un altro sospiro e resti a letto

avvolta nel caldo

come fosse un abbraccio

un bacio

che scorre ancora tra le lenzuola bianche

allunghi le mani e cerchi accanto a te

chi c’era un attimo a fa a farti compagnia

il silenzio nella stanza

il mondo fuori che scorre come un fiume in piena

immagini la sua voce,

le sue mani,

i suoi baci sul collo

immagini l’amore

ora che l’amore vive soltanto dentro di Te.

 

Giuseppe La Mura ott 2018
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

Ti guardo ancora negli occhi

Basta chiuderli e immaginarti davanti a me.

Non potrei mai lascarti sola

Allora vengo giú

Scendo nel cuore e vengo a cercarti

Nei miei occhi restano impresse fotografie

I tuoi sorrisi

La tua voce

Le tue mani nelle mie

Le passeggiate nei parchi

I nostri abbracci stretti

Noi due persi negli infiniti silenzi

È in quegli attimi che sentivo l’amore

Quando tu mi stringevi le mani così forte

Da sentire le tue dita affondarmi nell’anima

È in quegli attimi che mi rifugio sempre

È lì che vengo a cercarti

Quando mi stringevi

E stringi ancora fortissimo il mio cuore.

Mi avvicinavo a Te

E ti lasciavi sfiorare solo dai miei occhi

Le mani nelle tue mani

E parlavamo di noi in silenzio

I respiri erano palpiti sì forti

Che avrei voluto darti il mio cuore

E riporlo tra le tue mani perchè lo calmassi.

Eravamo lí

Sul letto,

Vestiti di pura passione,

Ma non eravamo scontati.

Non cercavamo sesso,

Avevamo fame di amore di infinito amore

Ed era tutto un mistero da sciogliere.

Ma avevamo tutta la notte

Per assaporarci

Per sentirci vibrare dentro

E io ti lasciavo libera di vivere le tue emozioni

Eri bella

Dio mio quanto eri stupenda Amore mio.

Giuseppe La Mura dic 2018
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web