Pensieri

Scritti nel cuore

Riaffiorano durante le ore del giorno

Fatte di silenzi

Che assumono le forme del tuo corpo

Di un fiore immobile nel deserto

E tutto ciò che senti dentro

È un vuoto incolmabile

Dove affondano l’amore

Le tue radici

Annunci

Provo a pensarti,

A camminare sulle righe dove asciughi i tuoi pensieri.

Provo a immaginare cosa vedono i tuoi occhi

Un campanile,

I suoi rintocchi

Simili ai passi lenti e fiacchi del caldo

Che avanza per le strade deserte,

Che si riposa sui pochi tetti dalle tegole rosse

E cotte come gli amori

Persi nei tuoi occhi

Nei tuoi bellissimi tramonti.

Provo a pensarti,

E vedo l’Oceano

Ondeggiare sui tuoi tacchi

Muoversi agitarsi nei tuoi occhi.

 

Giuseppe La Mura 22 ago 2018
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

Poesie

Parole che scivolano dalle dita

Un fiore che vive di solitudini

Un fiore coi suoi petali

Che nasce e che muore

Poesia

Una dolce malinconia

Come baci sulle labbra

Come rugiada all’alba

Poesia

L’amore tinge di rosso il cuore

Come il mare bagnato d’un tramonto.

 

Giuseppe La Mura giu 2019
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

Mi sveglio alle quattro

Non so se è mattino o ancora buio nell’Anima

Ma per strada c’è l’odore di una notte,

C’è chi è sveglio prima di me

E si prepara il primo o l’ultimo dei suoi caffè.

Resti Tu

Tra la notte trascorsa e l’aroma di caffè

Resti Tu

Appiccicata come le mattine di questa estate

Che nascono già infuocate

Sospese tra l’anima e le labbra,

Nel corpo al sole,

Pieno di luce e Amore. 

Giuseppe La Mura lug 2019
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

L’amore

È soltanto un dono

È un’emozione infinita

Grande com’è grande il mare.

È un attimo fatto di infinite sensazioni

Che sembra durare un’eternità.

A volte ti resta accanto

Appiccicato come il sale al tramonto

Che con una doccia se ne va.

Altre volte

Resterà scritto il suo nome

Sulle pareti del cuore

E niente e nessuno le cancellerà.

Il caldo stringe alla gola

Soffoca i pensieri.

Sul letto,

Giace un libro aperto,

Sfogliato dal vento,

Una pagina che stavi leggendo.

E le parole scritte sono pensieri

Che ti riportano indietro,

A viaggiare nel tempo.

Chiudi gli occhi,

Inizi a scrivere la storia del tuo amore

A descriverti nei racconti,

A cercare, rovistare tra le lenzuola

Tutte le tue emozioni.

E sogni i desideri ti scivolano addosso

Come perle di sudore

Che rigano, solcano e bagnano il tuo caldo corpo.

I baci d’un tempo

Scivolano giù dalle socchiuse labbra

Cadono dovunque,

Scrivono ancora pagine,

Scrivono e cercano ancora l’amore

Seguendo le linee immaginarie dei tuoi desideri.

E ti addormenti al sole,

Lentamente cadrà sul tuo seno,

Scivolerà dentro di te

Come se tu fossi mare

Ad accogliere il sole

Tutto l’amore che muore nel tramonto.

 

Giuseppe La Mura ago 2019
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

Esiste un sentimento

Esiste uno stato d’animo particolare

Che divide il mondo in due

Di chi lo vede da fuori

Di chi lo vive.

I primi,

I razionali, lo chiamano follia

I secondi,

Gli innamorati lo chiamano amore.

Ma da qualsiasi lato io lo guardi

Penso a Te

Lo intuisco

Perchè sei dentro di me

Sei il calore racchiuso dell’umanità

Sei il calore presente nell’abbraccio

Sei la comprensione

Sei tenerezza gusto passione.

Si sono folle e innamorato contemporaneamente

Per la lucida razionalità sono un folle

Ma anche un pazzo con un cuore

Che ama e aspetta soltanto Te.

 

Giuseppe La Mura lug 2019
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web