Dopo una notte

Trascorsa nel buio

A camminare su e giù per il cuore

Sopraggiungono le prime luci del giorno

E i passi percorsi

Sono orme e speranze

Lasciate lì sulla spiaggia

Mentre il mare

È il tempo che inesorabile avanza.

Resta l’amore

Briciole addosso l’anima

E i baci,

Cotti e innamorati dal sole della passione

Sono cristalli bianchi di sale posati sulla pelle.

 

Giuseppe La Mura giu 2019
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

E al tramonto

La natura rimette ordine al caos

E ogni cosa,

Ogni Donna e ogni Uomo,

Così come anche l’Amore,

Torna al proprio posto.

Nei sogni

Nei desideri

Nelle mani

Ognuno terrà strette le proprie speranze

Che possano avverarsi domani.

 

Giuseppe La Mura giu 2019
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Giuseppe La Mura

Come il mare

Che accarezza la riva

Come il vento che attraversa i capelli

Come il sangue

Che scorre tra il cuore e l’anima.

Senza Amore

Cosa sarebbe questo tempo

Che chiamo vita.

Senza il desiderio di te

Come potrei dare un senso a tutto ciò

Senza amore

Sarei un povero illuso egoista

Che prende tutto

E restituisce il nulla.

Senza te

Sarei il vuoto

Camminerei sui miei precipizi

Resterei nelle mie banali e ottuse convinzioni.

Senza desiderio e passione

Non chiederei scusa

Non potrei rimettermi in piedi

E scriverti una poesia

Per tornare da te

Bussare al tuo cuore

E portarti a vedere com’è bello al tramonto l’amore.

 

Giuseppe La Mura giu 2019
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

È da poco l’alba

Un’altra mattina d’estate

Le strade sono vuote

Deserte di vita

Ognuno sta nel proprio letto

Mentre tiene stretto in pugno un sogno.

Preparo il caffè

Mentre penso alle nostre notti insieme

Al silenzio rotto dai tuoi baci

Alle tue mani che stringono forte me

Ai desideri che ci tengono insieme.

E mentre il caffè lentamente sale

Sento la tua voce che sussurra piano

“Amore, vieni qui accanto me,

Voglio stringerti prima che il tempo ti porti via”

E ritorno nel letto,

Vuoto apparentemente,

Ma pieno della voglia per Te

Accanto al mio sogno che dorme ancora,

Che respira piano,

Che stringo dolcemente nella mano

Al desiderio del tuo corpo da me lontano

Accanto alla voglia di baciarti

E di far l’amore tra le lenzuola,

Per una notte,

Per tutta la vita e ancora.

 

Giuseppe La Mura giu 2019
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

È così che ti tengo

Col desiderio di Te

Di una notte con Te

Di una carezza sul tuo viso.

È così che poi si scopre di non poter star senza Te

Giorno dopo giorno

Anno dopo anno.

È così che ti amo

Col desiderio che scorre

Che porta il tuo nome

Inciso nei miei baci

Quando penso a Te

A ogni tramonto

Alla fine del giorno

A quanto amore poso sulle tue labbra.

 

Giuseppe La Mura giu 2019
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

Domenica d’estate

È da poco giorno

Chiudo gli occhi e penso a Te

Ti respiro tra le mie dita

Dove pigro resta l’odore del tuo corpo.

Abbraccio il mio cuscino

Sfioro le lenzuola

Sento il fruscio del vento fresco

Che m’accarezza il viso.

E ti vedo nei miei occhi semichiusi

Mentre insieme scopriamo cos’è l’amore.

I baci sul collo

Le tue mani nella mia schiena

I tuoi respiri che posi sul mio collo

I tuoi morsi delicati nel mio cuore.

È mattino

Ma dentro di me è notte fonda

Come un lupo mi aggiro tra le nude lenzuola

Ti vengo a cercare

Perchè ho fame di Te

Del calore del tuo corpo

Della tua infinita dolcezza e passione.

 

Giuseppe La Mura giu 2019
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

In evidenza

Tu,

Guardandoti allo specchio,

Sussurrandomi un respiro,

Dicesti che l’amore non esiste.

Ti guardai

Restando nel silenzio,

E vidi me stesso riflesso interamente nei tuoi occhi.

Sentii davvero che l’amore non esiste

Se nel sangue non ci fossi stata Tu.

 

Giuseppe La Mura giu 2019
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web