Bello vedersi in un tramonto,

Come fosse uno specchio d’acqua,

Come scendere e poi risalire dal mare.

Il tempo del giorno che corre, scivola via e va,

Di pelle bagnata di sale,

Che poi sia acqua tinta di rosso o lacrime di vino o sangue,

La differenza non la fa chi ti osserva, scruta e guarda.

E così passano i giorni,

Si staccano dall’anima infinite parole silenziose,

E poco prima che diventi buio,

Guardo gli occhi del mare,

E sogno,

E così ingoio una pillola,

Quattro parole messe in croce

Per farmi del bene da solo,

Per accarezzarmi da solo il Cuore.

Giuseppe La Mura giu 2021
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

Un pensiero su “

I commenti sono chiusi.