Ti solleva dal letto la luce del giorno,

Il calore del tuo corpo resta lì,

Come gli odori della notte,

Dei sogni sgualciti,

Delle orme dei tuoi pensieri silenziosi,

Lasciati tra le braccia della Luna,

Distesa in un letto fatto di cielo blu scuro,

Di stelle che sembrano fiori iridescenti,

Che vegliano In un prato notturno.

Tu sei un Fiore,

Che cresce ogni notte nel Cuore,

Rosa rossa del mio intimo giardino

Fiore intriso di Passione, d’Amore.

Giuseppe La Mura apr 2021
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

Un altro giorno,

Vuole entrare dalla porta del Cuore,

Lasciando impronte nell’Anima,

Senza far rumore.

Il mondo lì fuori muore,

Sento colpi di pistola,

Un altro uomo ucciso,

Un altro afroamericano,

Un altro fiore di colore, reciso e abbattuto,

Come fosse un albero che ostala un cammino mai esistito.

Polizia e democrazia

USA(no) impropriamente una rima baciata,

USA(ta), sbagliata.

Guerre,

Inutili,

Come l’odio, sabbia nelle clessidre,

Che misurano i giorni del nostro tempo.

Vorrei stare tra lenzuola bianche,

A baciarti le labbra,

Rosse come petali di rose,

Rosee come i colori che segnano le albe e i tramonti.

Vorrei stare nel letto pensare agli affari di Cuore,

A cercare nel letto e sul tuo corpo caldo,

Le tue voglie, le orme dell’Amore.

Giuseppe La Mura apr 2021
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

 

Notte,

Anche il tramonto è solo un ricordo

Di ciò che è stato

E mai più sarà.

Posso sperare nei sogni

Nel futuro proiettato dai ricordi

Da fotografie non ancora sviluppate

Di mani

Di baci

Di carezze nascoste,

Desiderate.

Oramai è notte

Si fa strada il nero,

Avvolge le mani,

Accarezza i pensieri

Ammanta le luci e spegne i colori.

Si fa largo il mare,

Si sentono i suoi canti,

Ora tacciono i rumori.

E s’incamminano le mani

Che cercano sperano desiderano

Carezze sul cuore

Parole che nel silenzio

Parlino la lingua antica dell’Amore.

Giuseppe La Mura apr 2021
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

Mentre scrivo

E butti giù sul foglio un pò di cuore

Ti penso

Ti immagino

Ti sogno

Ti desidero mentre trascorre il tempo

Mentre volano le ore.

Assaporo con le parole

La tua bocca

Mordo le tue labbra

Che sanno di fragole

Color carne

Che tingono di rosso

Le stanze dove vorrei con te

Giocare, nascondermi,

Fare l’Amore.

Giuseppe La Mura apr 2021
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

Dieci minuti

Un tempo breve

Eterno come può essere un’attesa.

Dieci minuti,

Il tempo rubato mentre imprimo emozioni

Impronte digitali elettroniche del cuore

Quelle che lascio qui

Mentre vedo il mondo lì fuori che muore.

Giuseppe La Mura apr 2021
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web