#piccoleStoriediAmore

“Stasera incontro Lei, un appuntamento in un club dove fanno musica Live. Mentre cammino la penso, e mi vengono alla mente tutto ciò che ci siamo detti, scambiati, alle cose, tantissime che ancora abbiamo da dirci e ciò mi fa stare bene. Anzi, benissimo, visto che ho il cuore che mi batte forte, che i miei passi sono veloci perchè ho proprio tanto desiderio d’incontrarla. Cosa faremo? non lo so e non voglio nemmeno immaginarlo. Sicuramente sarà bellissimo incontrarla, sicuramente sarà fantastico stare insieme, bere, parlare, ascoltare la musica, stare a guardarci, in silenzio, in mezzo a tutto quel casino. Ci parleremo con gli occhi, lo sguardo, le dita che l’accarezzeranno le braccia, il viso. Immagino il suo vestito che le modellerà tutto il quel corpo bellissimo che si ritrova, dalle gambe, ai fianchi, al seno fino a mettere in risalto le meravigliose curve del fondo schiena. Immagino il suo sorriso, la sua voce, i suoi occhi luccicanti e dolcissimi che si fermeranno su di me, cercheranno di capire cosa guardo, cosa cerco in Lei. E Lei, cercherà di capire se mi fermerò al suo corpo oppure le spoglierò lentamente l’Anima e la bacerò con il mio sguardo timido ma anche sfacciatamente scugnizzo. Mi osserverà, mi spoglierà anche Lei per cercare se io abbia davvero un Cuore e un’Anima oppure sono il solito bastardo che cerca di rubarsi un boccone per poi, come un lupo, scappare via. Intanto sono quasi arrivato al locale e mi assalgono tante paure: le piacerò, mi piacerà, la farò stare bene, la farò ridere, sarò la giusta compagnia per Lei? E mentre mi assalgono queste inutili domande sorrido e, penso tra me e me rassicurandomi, che andrà tutto bene e che ci divertiremo proprio tanto stasera. Ho tanta voglia e bisogno di star con Lei che qualsiasi cosa faremo staremo bene. Intanto mentre entro nel locale, la cerco in mezzo a tante donne e finalmente la vedo. Eccola, è meravigliosa, è bellissima, un fiore al Sole. Indossa il suo sensuale e radioso sorriso che mi fa sciogliere come un iceberg all equatore. Intanto che entro e m’avvicino verso di Lei, la band inizia con le prime note di “Foxey Lady” di Jimi Hendrix  (*).”

Giuseppe La Mura feb 2021
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

L‘odore del caffè

Sveglia il silenzio della casa.

Mi avvicino,

Ti abbraccio,

Ti accarezzo la bocca con la mia.

Le tue labbra hanno il sapore

Di mondi lontani,

Baciarti è fare di Te un viaggio.

Ti sento mentre scivoli via dal letto,

Mentre il sole trapassa le tende,

Imbianca le pareti,

T’illumina il viso

E brillano di mare i tuoi occhi.

Ti prepari

Andrai via.

Ti guardo

T’accarezzo con lo sguardo

Posando la mia anima sul tuo viso.

Ti avvicini,

Mi baci e m’incendi i sensi

E nel mio cuore posi

Il tuo dolcissimo sorriso.

Giuseppe La Mura feb 2021
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web