Un punto dopo l’altro

Si uniscono e si disfano

Si tracciano e poi cancellano,

Disegnando i confini dell’anima,

Le linee nascoste del cuore.

È una notte stellata sul mare

Riflessa sull’acqua nera e increspata.

Le stelle son ferme lì,

Son desideri da raccogliere,

Viaggi sconosciuti da intraprendere.

Sembrano piccole barche,

Che cercano fari ad illuminar la notte.

E mentre cerco nei miei pensieri

Penso a disegnare ardenti baci

Con le mie calde labbra rosse,

Con la bocca socchiusa.

Ci sono infinite fiammelle

Da prendere a volo dal cielo,

Ognuna accende il mio sguardo.

E mentre cerco e li afferro,

Li poso sulla bianca schiena di Lei.

E viaggiando tra le infinite costellazioni

Bacio e brucio di luce bianca,

D’Amore,

Lasciando quei baci appassionati,

Come indelebili desideri,

D’un cielo Stellato disegnato per Lei.

Giuseppe La Mura feb 2021
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web