#piccoleStoriediAmore

– “Incontriamoci in qualunque posto vuoi tu. Ho un immenso bisogno di immergermi in Te. Sprofondare nella Tua Anima, perdermi nei tuoi occhi, riscaldare le labbra sul tuo collo. Respirare coi tuoi baci, prima che muoia, vada a fondo nel mio mare di solitudini”-

– “io sono pazzo e follemente perso di Te, ti stavo aspettando da una Vita.”-

Giuseppe La Mura lug 2016
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

Giochi di luce

Trasparente è la luce

Che fende il buio nella stanza.

Vuote son le ore

Dense d’Amore scritto

Tra l’anima, la carne.

Sensazioni che si fanno sangue

Restano brividi immobili,

Accendono Stelle,

Tutto il firmamento dei sensi,

Quelli più Intimi,

Sacri, Profani,

Scritti sui caldi seni

Sulle turgide e silenziose labbra.

Giuseppe La Mura ago 2020
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

download.jpg

Chiudo gli occhi

Sento appena l’alba

E’ un fil di vento che struscia ruvido sulla pelle.

Porta via l’odore di un notte

Che, svogliata, resta ancora appiccicata addosso.

C’è l’odore del caffè, viene dalla strada

Da quelli svegli prima di me,

Sonnambuli di questa torrida estate.

E mi arrivano i loro ricordi,

I loro propositi per la nuova giornata.

Sento chi è già stanco, chi dovrà stancarsi,

Sento quelli allegri, felici per le loro vacanze.

Mi alzo e decido di preparami il primo caffè,

Si, ne berrò tanti anche oggi.

E per ognuno di essi avrò un pensiero per te,

Perchè sei sempre nei miei pensieri,

Sei come una barca che mi aspetta per girare insieme il mondo

Sei nell’essenza della mia vita.

Sei come il caffè, il suo aroma unico, inconfondibile,

Che viaggi nei miei pensieri.

Entri e porti i ricordi più intensi dell’amore,

Delle carezze, dei baci rubati, delle gelosie,

Degli incontri più intimi, più folli.

Sei la gioia di aver trascorso del tempo con te,

Sei l’attimo della mia vita,

Sei l’amore più vero,

Unico,

Quello che amerò per sempre,

Quello che terrò stretto nel cuore,

Non ti dimenticherò mai.

Giuseppe La Mura ago 2019
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

fumo.jpg

La Vita è tutta lì

Nelle prime luci del mattino

La speranza d’improvviso illumina il tuo viso

Dolce

Come il mare dorato di miele

Sciolto nel sorriso dei tuoi occhi

Ti soffermi a guardarla in lontananza la Vita

Ad perdere lo sguardo all’orizzonte

E sentirti pervasa dalla tenerezza dell’Amore

baci che quella notte ti ho lasciato sul Cuore.

Giuseppe La Mura gen 2018
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

Era poco prima dell’alba

Eri già sveglia

Ti fermavi dietro ai vetri

E restavi a guardare oltre,

Passanti frettolosi, studenti,

Una città in movimento.

Eri già pronta,

Vestita, truccata appena

Come la luce tenue e dolce

Quella del sole all’alba.

Indossavi tutto con cura,

Anche il profumo, il rossetto,

Erano per te come un abito.

Ti guardavo mentre scivolavi dal letto

E anche se eri una gatta,

Sentivo il tuo respiro caldo

Muoversi tra le pareti strette

Di quella stanza d’albergo.

Ma c’era una cosa che lasciavi ancora nel letto.

Ti spostavi dalla finestra

E avvicinandoti verso di me

Che fingevo di dormire

Venivi a prenderla.

Era il tuo cuore

L’avevi lasciato accanto al mio.

Mi baciavi

E lasciavi il rossetto sulle mie labbra

Dipingevi il mio cuore di rosso e di tramonti.

Ti stringevo a me

Ti donavi tutta senza più pudori

E anche se eri già pronta

Facevamo l’amore

Per sentire l’ultimo abbraccio

Per scrivere ancora una volta

Su quel letto d’albergo

Una Poesia d’Amore.

Giuseppe La Mura gen 2021
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web