Il buio addosso,

D’inverno è come indossare un cappotto

Inzuppato d’acqua.

E pensi alla tua casa,

Torni sui tuoi passi mentre ti riavvicini ad essa.

Intanto il freddo penetra le ossa,

I passi sono inghiottiti dal nero

Sembrano ovattati,

I pensieri rumorosi si disperdono

Nel silenzio assordante di questa città vuota.

Svolti l’incrocio,

Pochi passi ancora,

Tornerai tra le braccia dell’amore.

L’unico sogno ad aspettarti

Ancora,

In quella casa vuota.

Giuseppe La Mura ott 2020
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

2 pensieri su “

I commenti sono chiusi.