Anima – Ron

Prendere di notte un aereoplano
Volare ed andare lontano
Andare senza muovere niente
Poi prendere la notte in una mano
Fermarla parlando più piano
Anche se nessuno ti sente
Tu che ti svegli e mi dici rifallo che non capisco
Ti sei alzato sul letto e poi ti butti giù
Io coi tuoi occhi buttati negli occhi mi intenerisco
Allora provo ad inseguirti, entro dagli occhi e via
In cerca di compagnia, tra due nuvole ed una lacrima
Ecco che incontro l’anima, l’anima
Preso da un abbaglio e da un sospetto lancio un urlo
Che si schianta sul tetto
Per fortuna nessuno mi sente
L’anima è una parola, è un concetto
Non è normale vederla sul letto
Vederla e fare finta di niente
Tu te ne accorgi, sorridi mentre sono io che non capisco
Oh è logico arrivi sempre prima tu
Ma sento ancora I tuoi occhi negli occhi
E mi intenerisco
Oh che notte stanotte, piccola anima mia
Ma prima che voli via,
Fammi una cortesia,
Dimmi se la tua anima
Ha un posto anche per me
Nell’anima c’è un posto anche per me
Nell’anima c’è un posto anche per me

Strade,

Strade vuote,

Deserte,

Silenziose.

Strade diventate d’improvviso troppo grandi

Per essere attraversate.

La città si fa piccola

Come le ombre al tramonto,

Così si dissolvono lentamente al sopraggiungere della sera.

Pochi passi,

Affrettati per la paura d’esser in ritardo per il coprifuoco.

Ricordo bene i miei passi,

Ancora scritti sull’Anima.

Ricordo il treno,

L’orario, la stazione.

Ricordo la Città,

Coi suoi mille colori rossi,

Una città che senza mare,

È perennemente illuminata da mille e più tramonti.

Ricordo i miei passi,

Ricordo i profumi degli autunni e degli inverni,

I profumi dei suoi parchi,

I profumi sottili e infiniti dell’Amore.

E nonostante i coprifuochi,

Ancoro mi aggiro per strada,

Nei ricordi,

Quando mi perdo,

A cercarTi,

Per sentire il calore dei tuoi baci,

Per rubarti un’ora d’Amore.

Giuseppe La Mura ott 2020
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

Ci sono momenti eterni.

Attimi rubati,

Luoghi,

Viaggi,

Incontri,

Baci,

Ore insieme fatte d’Amore.

Se vedi un albero,

Soffermati,

Troverai scritto i nostri nomi di amanti,

Resteranno lì per sempre.

Sono gli stessi nomi,

Invisibili a tutti,

Scritte indelebili

Sulle pareti del Cuore.

Giuseppe La Mura ott 2020
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

Per un’ora d’Amore – Matia Bazar

Per un’ora d’amore non so cosa farei, na na nai nai na na na
Per poterti sfiorare non so cosa darei, na na na na
Chiudo gli occhi senza te
Le serate non finiscono mai
Sole giallo, mare blu
Non vorrei farti restare così
Un ricordo d’estate di più
E per un’ora d’amore venderei anche il cuore
Io per un’ora d’amore venderei anche il cuore
Per un’ora d’amore non so cosa farei, na na nai nai na na na
Per poterti sfiorare non so cosa darei, na na na
Chiudo gli occhi, ti vorrei
Non nei sogni ma così come sei
Sole giallo, mare blu
Che risveglio ora che manchi tu
Aspettarti e sapere che ormai
Io per un’ora d’amore venderei anche il cuore
Io per un’ora d’amore venderei anche il cuore
Chiudo gli occhi e penso a te
I ricordi non finiscono mai
Sole giallo, mare blu
Come il vento sei volato anche tu
Non rimane che dire vorrei
E per un’ora d’amore venderei anche il cuore
Io per un’ora d’amore venderei anche il cuore, yeah
Per un’ora d’amore non so cosa farei, na na nai nai na na na
Per poterti sfiorare non so cosa darei
Per un’ora d’amore non so cosa farei, na na nai nai na na na
Per poterti sfiorare non so cosa dare-eh-eh-ei, oh oh

Un bacio è troppo poco – Mina

Un bacio è troppo poco
Per sapere se ti amo
Un bacio è troppo poco
Per capire veramente
Se mi piaci, se mi piaci
O invece è solamente simpatia
Sia da parte tua
Che da parte mia
Un bacio è troppo poco
Per sapere se ti amo
Vorrei provare ancora
Perché credo di capire
Che mi piaci, che mi piaci
Ti prego di baciarmi un’altra volta
Magari con un poco
Un poco più di amore
E così verrà, verrà, verrà
L’amore, l’amore, l’amore
Quello vero, per noi due
Vorrei provare ancora
Perché credo di capire
Che mi piaci, che mi piaci
Ti prego di baciarmi un’altra volta
Magari con un poco
Un poco più di amore
E così verrà, verrà, verrà
L’amore, l’amore, l’amore
Quello vero, per noi due

The One that You Love – LP

Now that you’ve got what you wanted
Now that you’ve got what you need
Girl, if we’re gonna be honest
Honestly, what’s left for me
Oh oh oh oh oh
‘Cause all I got
Is close but not
And all I want is to know just how
Try to be the fire for you, try to be the sun
Try to be your home and the place that you come to
Babe, I took the whole world and put it in your hands
I’m really trying hard but I don’t understand
Tell me, oh oh oh
How to be the one that you love
Oh oh oh oh oh oh
How to be the one that you love
Don’t treat my love like a habit
Why don’t you show me a way
I’d give it to you, you can have it
I just wish I knew what to say
‘Cause all I got
Is close but not
And all I want is to know just how
Try to be the fire for you, try to be the sun
Try to be your home and the place that you come to
Babe, I took the whole world and put it in your hands
I’m really trying hard but I don’t understand
Tell me, oh oh oh
How to be the one that you love
Oh oh oh oh oh oh
How to be the one, how to be the one, how to be the one
Try to be the fire for you, try to be the sun
Try to be your home and the place that you come to
Babe, I took the whole world and put it in your hands
I’m really trying hard but I don’t understand
How to be the one oh oh oh
How to be the one that you love
Oh oh oh oh oh oh
How to be the one that you love
Oh oh oh oh oh oh
How to be the one that you love
Oh oh oh oh oh oh
How to be the one
How to be the one that you love

Si respira aria fredda

Penetra nei polmoni

Dritta come una lama accecata

Che non guarda

Ma colpisce senza pietà.

C’è aria di duelli in quest’aria d’autunno

Ognuno in tasca qualche spiccio di verità

Ognuno che tira dalla propria parte

Lembi di una coperta

Oramai diventata troppo corta.

Selvaggio West

Sono diventate le nostre strade

E dell’amore non importa più nulla a nessuno.

Relegato nei libri,

Negli scaffali impolverati di biblioteche vuote.

A tutti urge bisogno di vivere

E vedere le cose combaciare coi propri interessi.

Intanto la natura fa il suo corso

Inesorabile

Non s’interessa di sceriffi e banditi.

Non guarda in faccia a nessuno.

È come la lama accecata,

Colpisce a freddo,

Proprio come l’aria di quest’autunno.

Penetra dritta nei polmoni.

Lacerando sogni e speranze

A chi ha ancora briciole nel Cuore,

A chi ha un pò d’Amore.

Giuseppe La Mura ott 2020
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

Che male fa – Matia Bazar

Stringere i denti per una volta
Anche se so
Che del mio cuore poco ti importa
Vorrei rubarti un po’ d’amore
Però tutto per me,
E se tra me te c’è un mondo intero
Che male c’è
Tu
Per gioco ma sei stata un po’ anche mia
E con te
Vale la pena di tentarla l’avventura.
Credermi amica per una sera,
Fingere ma
Anche così
Darti tutto di me
E non capire più
Tra forse, vedrò
Che spazio c’è
Oh tu,
Un gioco che può essere pazzia
E con te
Mi sembra ancor più bella e strana
L’avventura.
Tu
Per gioco ma sei stata un po’ anche mia
E con te
Valeva si la pena di tentarla
Valeva si la pena di tentarla
Un’avventura
E dopo non avrai di me mai nostalgia

Il buio addosso,

D’inverno è come indossare un cappotto

Inzuppato d’acqua.

E pensi alla tua casa,

Torni sui tuoi passi mentre ti riavvicini ad essa.

Intanto il freddo penetra le ossa,

I passi sono inghiottiti dal nero

Sembrano ovattati,

I pensieri rumorosi si disperdono

Nel silenzio assordante di questa città vuota.

Svolti l’incrocio,

Pochi passi ancora,

Tornerai tra le braccia dell’amore.

L’unico sogno ad aspettarti

Ancora,

In quella casa vuota.

Giuseppe La Mura ott 2020
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web