On the Beach – Chris Rea

Between the eyes of love I call your name
Behind those guarded walls I used to go
Upon a summer wind there’s a certain melody
Takes me back to the place that I know
On the beach
On the beachThe secrets of the summer I will keep
The sands of time will blow a mystery
No-one but you and I
Underneath that moonlit sky
Take me back to the place that I know
On the beach
On the beach yeah
On the beach
On the beach Forever in my dreams my heart will be
Hanging on to this sweet memory
A day of strange desire
And a night that burned like fire
Take me back to the place that I know
On the beach On the beach
On the beach yeah
On the beach

Un pezzo di cielo

Dove si specchia l’oceano,

Trasparente, Profondo, Misterioso,

Come lo sono la tua anima e gli occhi.

Un altro giorno,

Cade lentamente,

Come il vino rosso che cola nel mare.

E di quest’altro anno,

Di questo altro pezzo d’estate

Non sarà soltanto un ricordo,

Ma sarai accanto a me

E insieme ascolteremo i gabbiani far ritorno ai loro nidi,

Mentre ci baceremo per tornare a casa,

Fino a scrutarci gli abissi silenziosi dei nostri cuori.

Giuseppe La Mura ago 2020
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Giuseppe La Mura

Curti Ma Mi – Asty

Baby, hoji nkre xinti bu corpu ma mi
Obi DJ ata mix so pa nos dos
Nka kre pau para tarraxam
Skexi di passado tarraxam
Nka kre pau para tarraxam
Baby, faze di conta mas noiti foi fetu pa nos
Skexi di pista tarraxam ka bu para nao
Skexi tudu ki tem passado
Bem ter di mi Tarraxam, tarraxam, tarraxam so
Bem bem bem bem
Dança ku mi
Bem bem bem bem
Cola na mi
Bem bem bem bem
Curti ma mi
Pa nu xinti
Pa nu xinti
Pa nu xinti sabi Bem bem bem bem
Dança ku mi
Bem bem bem bem
Cola na mi
Bem bem bem bem
Curti ma mi
Pa nu xinti
Pa nu xinti
Pa nu xinti sabi
Tarraxa suavi
N’adora bu manera ki bu ta mexi Baby
Sta sabi
Cu ba para
Pamodi nha vontadi gossi li
E so pam podi dau
Pa bo bu dam
Pam tarraxau po tarraxam
Pam siridjau pa bu colam
Ca bu para, ca bu para, ca bu para
Baby Bem bem bem bem
Dança ku mi
Bem bem bem bem
Cola na mi
Bem bem bem bem
Curti ma mi
Pa nu xinti
Pa nu xinti
Pa nu xinti sabi Bem bem bem bem
Dança ku mi
Bem bem bem bem
Cola na mi
Bem bem bem bem
Curti ma mi
Pa nu xinti
Pa nu xinti
Pa nu xinti sabi

Il tuo corpo,

La quiete dentro di Te,

Si fonde con quella del mare.

Nel tuo cuore,

Mi immergo, mi inabisso, mi perdo

Per ritrovarmi quando ti accarezzo la schiena,

Quando ti stringo la mano,

Quando assaporo e scopro com’è un bacio,

Dolce e salato.

Giuseppe La Mura ago 2020
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Giuseppe La Mura

Mediterranea – Irama

Nella bocca una melodia
Gli occhi che rincorrono
Un bagliore in mezzo a una via
Delle labbra che scorderò
Mentre il vento soffierà via
Anche l’ultimo falò. Potrei dirti un’altra bugia
Potrei dirti qualcosa di me
Ma non so niente di te
Ma non fa niente anche se, oh uh
In strada si parla di me
Il resto lo tengo per te, oh. Mi calma se questo è un rodeo (scusami)
Ci penserà il karma, dai, oh
Fa caldo e ti cala il pareo. E quando il sole chiede
Alla luna dove andrò
Andrò dovunque andrai, altrove no. Quando balli il tuo corpo si muove col mio
E questa notte sembra l’ultima
Non ti voltare da qui
Da qui le strade sembrano il tetto del mondo
E una musica
Mediterranea
Mediterranea. Pare come appare tanto poi scompare
Ti-ti, ti va di riprovare
Fare, lo vuoi fare, dai che ci vuoi fare
Me lo ricordo che ti va di giocare
Male, non fa male, no, è come fare gol
Però mare non è amare, no, non ti chiamerò
Puoi sperare, puoi sperare, oh, come un casinò, però. E quando il sole chiede
Alla luna dove andrò
Andrò dovunque andrai, altrove no. Quando balli il tuo corpo si muove col mio
E questa notte sembra l’ultima
Non ti voltare da qui
Da qui le strade sembrano il tetto del mondo
E una musica
Mediterranea
Mediterranea. E il ritmo che quando rallenta, oh
E la tua pelle che mi tenta, oh
La bocca, bocca, la tua verità la so
Chi tocca, tocca, non ti merita però. Quando balli il tuo corpo si muove col mio
E questa notte sembra l’ultima
Non ti voltare da qui
Da qui le strade sembrano il tetto del mondo
E una musica
Mediterranea

La risacca,

Giunge un suono dopo l’altro

Un’onda dopo l’altra.

Sono le maree,

Partite chissà da dove,

E quali terre

Le avranno viste nascere.

Non è nello sguardo

La profondità del pensiero,

Ma si cela

In ogni sfumatura del creato.

Giuseppe La Mura ago 2020
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Giuseppe La Mura

The Sea – Heavn

Sunrays touch the coastline
On the cutter shows the dust
Long nights are gone with the river
The water has been waiting long enough We float on the river of time
Hold steady, hold steady
The sea comes, calls the summer
Forced out the cold
Don’t follow the change of the tides
Hold steady, hold steady
Storm for hours and rainy days And all our lives we’re told
The stream will take us home Sunrays touch the coastline
Warm our feet, show the glare
We walk through the sand in the warm night
The water will take the weight from us And all our lives we’re told
The stream will take us home
And all our lives we’re told
The stream will take us home We sell our lives to the sea
The sky lights up from the beach

Il cielo,

Silenzioso cade su di me,

Sul tuo viso baciato dal sole.

E mentre mi soffermo sul tuo corpo,

Sul tuo sguardo,

Sento parlare i tuoi occhi,

Profondi.

Sei come una piccola conchiglia,

Ti bacio e nell’Anima risacca il mare.

Giuseppe La Mura ago 2020
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Giuseppe La Mura

Anima del Mare,

La salsedine silenziosa,

Diamanti poggiati sulle tue rosse labbra.

L’Assaporo con un bacio,

Mentre il vento caldo

Accarezza delicatamente la tua pelle bagnata.

L’estate mi accompagna,

Mi tieni stretta a Te,

Il mio Cuore posato sul tuo seno bagnato,

Tra le tue calde braccia.

Sai di mare,

Di onde increspate,

Di selvaggia spuma bianca.

Giuseppe La Mura ago 2020
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Giuseppe La Mura