Il Vento caldo dell’Estate – Alice

Ho chiuso le finestre
Per non lasciare
Neanche l’aria entrare, qui
Nel buio della stanza
Si ferma la mia vita, per te
Le mie reazioni non le controllo più
Quanto mi manchiLa tua coscienza è falsa
Quante promesse hai fatto, bugie
E più eri lontano
E più giuravi che il tuo mondo ero ioNon eri solo
Un’abitudine
Quanto mi manchiE il vento caldo dell’estate
Mi sta portando via la fine
La fine, la fineCosì senza un motivo
Non puoi dimenticare
Tutto a un tratto, così
Che scherzi gioca il caldo
Adesso sei sincero, adesso sì
Senza parole
Non mi lasciare
Mi basta poco, fammi tentareIl vento caldo dell’estate
Mi sta portando via la fine
La fine, la fine

Il tremolio del sole al tramonto,

Si tinge di rosso il mare,

Dove s’infrange il luccichio,

Delle tue socchiuse labbra.

I capelli son legati,

Rendono il viso splendente,

Due piccoli orecchini brillano,

Adornano il viso,

Accendono il sorriso.

La sabbia calda appiccicata ai corpi,

Siam due piccole conchiglie

Portate a riva dalle maree,

E il letto diventa una spiaggia.

Giuseppe La Mura ago 2020
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Giuseppe La Mura

Ciclone – Elodie, Mariah, Takagi & Ketra

Scriverò di amarti sulle note di un iPhone
Fisso la parete tanto non ti chiamerò neanche stasera
Non vale la pena
È agosto ma si gela
Anche se non serve a niente
Yo he intentado llamarte
Pero con miedo a equivocarme
Contestas, me enredas
No quiero esa vaina te imaginas
Yo moría por ti
No sé si tú por mí
Lo que queda claro es que no nos funcionó
Prima di te
Ero sola, ero mia
Era tutto più facile
Ora in questa follia
Ho imparato a danzare
Cento giorni senza rincontrarsi
Non credevo che poi mi mancassi
Scriverò di amarti sulle note di un iPhone
Fisso la parete tanto non ti chiamerò neanche stasera
Non vale la pena
È agosto ma si gela
Anche se non serve a niente
Sottovoce dirti “Sì”
Sottovoce dirti “Sì”
Sottovoce dirti “Sì”
Stanotte solamente
Sottovoce dirti “Sì”
Sottovoce dirti “Sì”
Mi sfiori appena
Sei un brivido sulla mia schiena, ah
Ah, ah, ah, ah
Ah, ah, ah, ah
Ah, ah, ah, ah
Sulla mia schiena, ah
Mirando hacia la pared
Pensando en llamarte
Contestas, me enredas
No quiero esa vaina, tú me restas
A veces pienso que sí
Después me digo no
No te puedo llamar aunque quiera de ti
Prima di te
Ero sola, ero mia
Era tutto più facile
Ora in questa follia
Ho imparato a danzare
Zingara è la notte per cercarsi
Sei un ciclone in cerca dei miei passi
Scriverò di amarti sulle note di un iPhone
Fisso la parete tanto non ti chiamerò neanche stasera
Non vale la pena
È agosto ma si gela
Anche se non serve a niente
Sottovoce dirti di sì
Sottovoce dirti di sì
Mi sfiori appena
Sei un brivido sulla mia schiena
Sulla mia schiena, ah
Ah, ah, ah, ah
Ah, ah, ah, ah
Ah, ah, ah, ah
Sulla mia schiena, ah
Ah, ah, ah, ah
Ah, ah, ah, ah
Ah, ah, ah, ah
Sulla mia schiena, ah

Si rispecchia il sole

Gioca col mare

Luccica

Si lascia accarezzre.

E i miei occhi,

Si riempiono di spume bianche

Nei gorghi affondano i ricordi.

E così capita in chi lo guarda,

Sortisce lo stesso effetto,

L’inabissarsi dei ricordi,

Dei sassi che affondano nel Cuore.

Il canto del mare

Irrompe nell’anima

Lasciando così nudo

Ogni pensiero profondo

Che s’abbandona e giace

Cullandosi tra il sale,

E scomparendo tra le spume bianche.

Giuseppe La Mura ago 2020
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Giuseppe La Mura