Quanto avrei voluto Te

Metterti le mani sui fianchi

Sentire le tue stringermi forte

Come il tuo respiro profondo

Appiccicato addosso

A riscaldarmi il petto.

Quanto avrei voluto ascoltare

I battiti del tuo cuore

Unirsi al suono della pioggia

Mentre eravamo a farci l’amore

Persi nel mare del letto.

Quanto avri voluto baciarti,

Strapparmi un pezzo di cuore

E piantarlo come una rosa

Dentro il tuo più intimo giardino.

Giuseppe La Mura lug 2020
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

Una sigaretta stretta

Il fumo ondulante si spargeva

La bocca semiaperta

Le tue paure tremavano

Come foglie al vento tra le mie dita.

E nei miei occhi si specchiava una Donna

Il mio cuore tremava

Come il mare in tempesta

Si infrangeva la passione

Sui tuoi seni

Sui tuoi fianchi.

Iniziavo a fantasticare le ore

Che sarebbero trascorse in silenzio

Immersi tra flutti di bianche lenzuola

Ti baciavo e facevamo l’Amore.

Giuseppe La Mura lug 2020
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

Ogni volta che mi parli

O mi scrivi di te

Della tua vita o dei tuoi pensieri

Lo fai spogliandoti tutta

Mettendo a nudo le tue forme

La tua intelligenza

La tua sensibilità così leggera

Che sembra una veste trasparente.

Sei così bella quando ti mostri così

E mi piaci vederti così

Quando ti presenti inaspettata ai miei occhi

E ti lasci guardare tutta

Nelle paure nelle fragilità nelle insicurezze, nelle tue fortezze.

E resto così

Colpito e fortemente attratto dalla tua anima

Dolce e sensuale

Forte e passionale

Che mi verrebbe voglia di stringerti

E baciarti tutta.

Giuseppe La Mura feb 2020
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

ac156f144f30901586711236e44d48ad

L‘Amore nascosto,

Tra le poesie,

Tra le pagine della vita,

Tra le ore trascorse nella solitudine,

Il susseguirsi dei giorni,

Vedere sorgere un’alba,

Assistere alla sua fine quando s’immerge e inabissa nel tramonto.

L’Amore nascosto,

Un bosco dove raccogliere more e mirtilli,

Trapassarsi l’Anima tra i rovi pungenti,

E infilare le spine mani, nella carne,

Sono le regole per sopravvivere di briciole,

Perchè intoccabile è la torta dell’Amore.

E il rosso acceso, o il bianco pallio,

O colori come il rosa e il blu,

Diventano i colori con cui si nutre l’Anima,

Che affamata per troppo tempo,

Resta sempre nella penombra,

Nel chiaroscuro e nel bianco e nero.

Giuseppe La Mura lug 2020
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

Al mattino,

Il sole illuminerà il tuo volto,

I colori della notte trascorsa.

Sogni, desideri, baci,

Resteranno sulla pelle,

L’intimo che indosserai

Sarà ricamato sul corpo,

Ti coprirà durante lo scorrere del giorno.

E sogni, desideri, baci

Ti vestiranno

Ti accarezzeranno

E sentirai l’amore addosso.

Giuseppe La Mura lug 2020
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web