Resta qualcosa del giorno già trascorso

È scritto da qualche parte

Giù nell’anima

E non è solo un ricordo

Di un mare in tempesta

È molto di più.

È il desiderio che trovo

Nel fondo d’un bicchiere

Che trovo quando bevo tutta la vita

E m’accorgo che ne vorrei ancora

Un sorso di te

Un pò dei tuoi occhi

Ancora i tuoi lunghi discorsi,

E le mille e più parole

Che cerchiamo nel letto

Tra le calde lenzuola,

Tra i tuoi capelli,

Tra le tue rosee labbra.

E vorrei ancora ubriacarmi di te

Di vita

Dei silenzi nel letto

Ascoltando i temporali,

E il tuo corpo tremare

Ad un tuo sussulto,

Ad ogni fulmine 

Accesi da lampi e di baci

Mentre uniti ci facciamo l’amore.

Giuseppe La Mura feb 2020
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

Cammina il giorno,

S’avvia lentamente al tramonto

Trascinando con se alla sua riva,

I miei pensieri oramai stanchi.

Si susseguono le emozioni nel Cuore,

Come fossero maree incessanti,

Battono forte, danno vita al sangue e alla carne.

In silenzio, senza far alcun rumore,

Nascono giorni lievi,

Dipinti come gli acquerelli,

Dove il rosso colora la tela,

Nel mare s’asciugano di colpo

Cristalli luminosi di sale,

Che bruciano i miei occhi. 

E dove un bicchiere di vino dolce,

Si rovescia sulla tavola blu,

La calma della mia Anima,

Un mare notturno,

Dove prendono vita sogni e colori.

Giuseppe La Mura lug 2020
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

Too Hot – Kool & the Gang

“Too Hot”

At seventeen we fell in love
High school sweethearts
Love was so brand new
We took the vows of man and wife
Forever, for life
I remember how we made our way
A little patience, the time we pray
Can’t imagine that this love is through
Feelin’ the pain, girl when you lose
Oh it’s too hot, too hot, lady
Gotta run for shelter
Gotta run for shade
It’s too hot, too hot, lady
We gotta cool this anger
What a mess we made
So long ago you were my love, oh my love
Flyin’ high we never took the time
To stop and feel the need
Funny how those years go by
Changing you, changing me
I remember love’s fever
In our hearts, girl and in our minds
Can’t imagine that this love is through
Feelin’ the pain, girl when you lose
Oh it’s too hot, too hot, lady
Gotta run for shelter
Gotta run for shade
It’s too hot, too hot, lady
Gotta cool this anger
What a mess that we’ve made
So long ago you were my love
Feeling the pain
Oh, it’s too hot, too hot, lady
Gotta run for shelter
Gotta run for shade
It’s too hot, too hot, lady
Gotta cool this anger
From this mess that we’ve made
It’s too hot, too hot, lady
Gotta run for shelter
Gotta run for shade
It’s too hot, so so hot, lady
Gotta cool this anger
Oh gotta cool this mess we’ve made
It’s so so hot, baby
Yes it’s so hot
I just can’t take it, I can’t stand no more baby
We were once lovers
We took our vows
Of man and wife, forever, woah
Baby, please won’t you listen
It hurt me so bad, well I know I’ve got to leave
It’s too hot, gotta run for shelter babe, gotta run for shade
It’s too hot, it’s so so hot baby
Gotta cool this anger, gotta cool this mess we’ve made
It’s so warm, so warm, it’s hot baby, yeah

La notte buia addosso

Posata sugli occhi

Ne resta soltanto un ricordo, adesso.

Come fosse memoria di un dolore

Come una spina rossa

Conficcata sulle pareti del cuore.

Adesso la stanza è illuminata,

Dietro ai vetri,

Colorati di mille bagliori rosa,

Ti nascondi tu

Con tutto il tuo mondo vissuto

E l’amore intriso addosso,

Chiuso dentro di te.

Giuseppe La Mura gen 2020
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

Mentre intorno a te

Tutto sembra correre troppo velocemente

Ti soffermi a pensare

Il cuore aumenta i battiti

E corre veloce come i giorni andati

Che cancelli dal calendario.

Eppure sei lì

In controluce

Coi pensieri nudi e trasparenti

Che guardi al tuo futuro

Che immagini i baci

Che sogni i tuoi desideri ad occhi aperti.

E io che m’immagino di tremare

Mentre muoio dal desiderio di baciarti

E penso alla vita

All’amore così fugace e vero

Che segna e insegna

A questi nostri giorni e tempi difficili

Dove tutto ciò che lasciamo

È soltanto frutto della nostra follia.

Giuseppe La Mura feb 2020
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

valerie_baber_4.jpg

Cosa resta di quest’altro giorno,

Lampi, attimi di vita,

Consumati in brevi sorrisi,

Occhi di donne e uomini,

Passanti distratti.

Ingrigiti dentro,

Come fossero fatti di pensieri pesanti,

Di fumo, come  la nebbia sopra le nuvole.

E negli occhi persi della gente,

Rivedo la parte più intima di me,

Viandante anch’io come loro,

Una goccia che cade, una dopo l’altra,

A formare uno specchio, un lago, un mare calmo

Che m’attraversa da parte a parte l’anima,

Mentre mi cammina al fianco,

L’incedere pesante del mio tempo che mi sta lentamente spogliando.

E mi ritrovo un pò più avanti coi pensieri,

E con l’avanzare degli anni,

I pensieri restano immobili,

Pensierosi e critici verso l’amore versato,

Quello che era nato appena ieri,

Al desiderio di averti voluta conoscere,

Qualche anno addietro.

Mi sento talmente avanti con gli anni,

Che non sembra vero

Sentire ancora battermi un pezzo di carne nel petto,

A volerti stringere

E baciarti mentre facciamo l’Amore nel letto.

Giuseppe La Mura feb 2020
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

Di questi giorni

Ricorderò il vuoto che lascia

La fine di un’amore

Ricorderò i sorrisi

Gli sguardi rubati

I baci con le infinite carezze posate sulle labbra.

Di questi giorni

Ricorderò la solitudine

Il vuoto accanto

Le mille parole che mi moriranno dentro,

E tu,

Che mi abbracci forte

E stringi il cuore con il solo sguardo.

Giuseppe La Mura feb 2020
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web