Il tramonto

L’attimo più bello del giorno

Ha il sapore dei libri nuovi da leggere

Il sapore dell’attesa

I colori più accesi

Indelebili

Che scrivono mille emozioni nel cuore.

Il tramonto

È l’attimo per i baci

È un calice di vino rosso per gli amanti

È un tuffo nel Cuore

È l’attimo che precede il far l’Amore

dell’arrivederci.

Giuseppe La Mura giu 2020
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

Cade la notte

Porta con se cuori,

Schegge di baci,

Taglienti spicchi di luna,

Morbide labbra rosse.

Il silenzio si aggira per le strade,

Ma nessuno lo ascolta,

Ognuno è preso dai suoi discorsi,

Ognuno con un pezzo di vita da raccontare.

Pochi ascolteranno il silenzio

E s’interrogheranno sulla vita,

Ascolteranno il proprio cuore,

Cercheranno l’innocenza dell’amore.

Giuseppe La Mura giu 2020
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

Angel Touch – Cindy

“Angel Touch”

青い空が 雲に隠れ
(Aoi sora ga kumo ni kakure)蕾たちが 枯れ落ちても
(Tsubomi-tachi ga kare ochite mo)

小さな泉があるなら
(Chisana izumi ga arunara)

何度でも始められるわ
(Nandodemo hajime rareru wa)

怖がらずに 呼び続けて
(Kowa ga razu ni yobi tsuzukete)

私達を信じていて
(Watashitachi wo shinjite ite)

冷たいビルの谷間に
(Tsumetai biru no tanima ni)

聞こえてるあなたの声が
(Kikoe teru anata no koe ga)

悲しむだけど
(Kanashimudakedo)涙には
(Namida ni wa)

未来を変える力さえないの
(Mirai wo kaeru chikara sae nai no)

けれどあなたの傷ついた心を
(Keredo anata no kizutsuita kokoro wo)

軽くしてあげられるなら
(Karuku shite age rarerunara)

遠くから 呼び続けで
(Touku kara yobitsuzukete)

苦しくでも 叫んでいて
(Kurushiku demo sakende ite)

あなたの声を 頼りに
(Anata no koe wo tayori ni)

迷わずに そこへ行くから
(Mayowazu ni soko e ikukara)

諦めずに 教えに来て
(Akiramezu ni oshie ni kite)私達を信じていて
(Watashitachi wo shinji ite)

争うことの すべでが
(Arasou koto no subete ga)

物語っと 語り続けて
(Monogaratto katari tsuzukete)

涙をだめって 叫んでる
(Namida wo damette saken deru)

言葉の意味は わからない
(Kotoba no imi wa wakaranai)

けれど
(Keredo)

あなたの声が
(Anata no koe ga)

連れてくる痛みと
(Tsurekete kuru itami to)悲しみを忘れない
(Kanashimi wo wasurenai)

永遠
(Eien)

あなたはどこにいるんの
(Anata wa doko ni irun no)

まだ小さな子供なの
(Mada chiisana kodomona no)

守んでくれる人は
(Mamonde kureru hito wa)

いないの
(Inai no)

傷ついても
(Kizutuite mo)

愛していて
(Ai shite ite)

私達を信じていて
(Watashitachi wo shinji ite)

悲しい日々が あったこと
(Kanashii hibi ga atta koto)

何一つ 思い出せない
(Nanihitotsu omoidasenai)

そんな日が来ることを
(Sonna Hi ga kuru koto wo)

迷わず
(Mayowazu)

È un mattino d’estate

Il vento fresco entra dalle imposte

Porta profumi delicati,

Piccoli fiori,

Odori di campi di grano,

Caldi e ruvidi

Che si posano sul corpo

Avvolto tra le lenzuola

Disteso sul letto.

Ti lasci accarezzare dal nuovo giorno

E immagini di esser lì

In mezzo a quei campi

A giocar con un fiore tra le mani

Ad accarezzarti le labbra

Come fosse un bacio,

E stringere l’amore sul petto

E i suoi profumi tra le dita.

Giuseppe La Mura giu 2020
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: web

Pandemonium – Mondays

“Pandemonium”

Oh baby I love
Your madness
It’s all incredebly beautiful
Owoah
You shine like gold
So selfless to all
And wild I get anymore
Oahh
Some would say I’m insane
And they’re right in a way
But I just like to play
Any fun and the games
Always hungry for more
That’s just how I was born
Take me somewhere I don’t know
You give me your freedom
Woaah
You let me two pieces
Yeah I need it
For your pandemonium
Life is so easy
Woaah
You let me two pieces
Yeah I need it
Why you pandemonium?
Woah
Oh baby our love
Is Endless
I know (I know)
Just do what you want with me
Woaah
Yeah I want it all (I want it all)
Couldn’t careless
The cost
I’ve given my everything
Owoaah (Uwoaah)
Some would say I’m insane
And they’re right in a way
But I just like to play
Any fun and the games
Always hungry for more
That’s just how I was born
Take me somewhere I don’t know
You give me your freedom
Woaah
You let me two pieces
Yeah I need it
For your pandemonium
Life is so easy
Woaah
You let me two pieces
Yeah I need it
Why you pandemonium?
Woah
You give me your freedom
Woaah
You let me two pieces
Yeah I need it
For your pandemonium
Life is so easy
Woaah
You let me two pieces
Yeah I need it
Why you pandemonium?
Woah

9af4d0c43d60cd42aa8497b9eff1aa2e

Una valigia piena di ricordi,

negli strati più profondi,

Una foto di bambino per ricordarmi dei miei anni,

Poi metterò un pigiama a righe blu,

Di seta per sentire il freddo addosso nelle notti d’inverno

E distrarmi del freddo che sentirò nel Cuore.

Poi metterò un libro bianco,

Per scrivere di rosso, con la matita trafitta nel Cuore,

E ogni volta m’inventerò la vita che ho sognato,

Quella che non ho mai avuto.

Sarò pieno di malinconia,

Sarò sereno,

Senza più alcun rimpianto,

Vivrò di poco,

E forse vivrò soltanto un poco,

Quanto una farfalla,

Quanto il tempo del mio Amore desiderato.

Giuseppe La Mura giu 2020
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: web

Jenga – Heize

“Jenga”

I just wanted to play this game
사랑이란 감정에
매료돼 날 가득 채웠네 eh
누가 시킨 적도 없는데
탑을 쌓아올렸네
너의 조각들로 빼곡해
내 맘을 채운 너의 눈코입과
너의 특유의 말투와 억양
시야에서 흐릿해져갈 때면 휘청거리네 나의 하루가
내 맘에 수많은 구멍이 나도
버틸 수 있는 이윤 너라고
이제 네가 한 발짝만 더 발을 빼면 난 무너질 텐데 eh
I don’t wanna play this game no more
Somebody help
I don’t wanna play this game no more
Somebody help (somebody help)
Yeah 탑이 무너지고 나면 폐허가 돼버릴까 봐
펜스를 두르고 유적지로 두면 어떨까
일어나지도 않은 일을 상상하며
이음새를 붙들고 있는 나를 너는
전처럼 바라보지 않아
우리 사랑을 피사의 사탑이라 생각지 않잖아
이 게임의 끝을 준비하게 해줘
쓰러질 땐 아무도 없게 구경거리 되지 않게
내 맘을 채운 너의 눈코입과
너의 특유의 말투와 억양
시야에서 흐릿해져갈 때면 휘청거리네 나의 하루가
내 맘에 수많은 구멍이 나도
버틸 수 있는 이윤 너라고
이제 네가 한 발짝만 더 발을 빼면 난 무너질 텐데 eh
I don’t wanna play this game no more
Somebody help
I don’t wanna play this game no more
Somebody help (somebody help)
바람이 불어와
더 이상 못 버틸 것 같아 yeah, yeah
다시 채워주면 안 될까
내 맘은 굳어가
의미를 잃은 것 같아 ah
I don’t wanna play this game no more
Somebody help
I don’t wanna play this game no more
Somebody help

C‘è un momento del giorno,

È un attimo eterno,

Un’istante prima della fine del giorno,

Prima del buio,

Dove nasce e muore ogni tramonto.

In questo perpetuo movimento

Danza solitario ogni battito del Cuore,

Ed immersa nel silenzio,

È l’Anima.

Nella fine del giorno

Ci son sempre fiori dipinti di vino e di rosso,

Dove respiro Passione e Amore.

Giuseppe La Mura giu 2020
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Giuseppe La Mura