D‘improvviso

Ti accorgi che termina un altro giorno

E che nonostante il buio

Continuerai a credere e cedere

Alle lusinghe vane delle speranze

Continuerai a credere

E cedere all’amore.

 

Giuseppe La Mura ago 2019
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

The Greatest – Lana Del Rey

“The Greatest”

 

I miss Long Beach and I miss you, babe
I miss dancin’ with you the most of all
I miss the bar where the Beach Boys would go
Dennis’s last stop before Kokomo
Those nights were on fire
We couldn’t get higher
We didn’t know that we had it all
But nobody warns you before the fall
And I’m wasted
Don’t leave, I just need a wake-up call
I’m facin’ the greatest
The greatest loss of them all
The culture is lit and I had a ball
I guess I’m signin’ off after all
I miss New York and I miss the music
Me and my friends, we miss rock ‘n’ roll
I want shit to feel just like it used to
And, baby, I was doin’ nothin’ the most of all
The culture is lit and if this is it, I had a ball
I guess that I’m burned out after all
I’m wasted
Don’t leave, I just need a wake-up call
I’m facin’ the greatest
The greatest loss of them all
The culture is lit and I had a ball
I guess that I’m burned out after all
If this is it, I’m signin’ off
Miss doin’ nothin’, the most of all
Hawaii just missed a fireball
L.A. is in flames, it’s gettin’ hot
Kanye West is blond and gone
“Life on Mars” ain’t just a song
Oh, the livestream’s almost on
22/08/2019

Emozioni

Viaggi interiori

Pezzi che si scompongono e ricompongono

Combinazioni sempre diverse.

Un quadro da inventare daccapo

Una storia da raccontare

Parole nascoste

Intime

Delicate

Pennellate che fanno vibrare l’anima.

Viaggi del cuore

Occhi, onde che si susseguono

Per giorni

Per ore

Per rivedersi diversi

Negli specchi degli altri

Riflessi ondulati su lembi di mare

Per ritrovare pezzi di noi

Lasciati in chissà quali mari.

Aprirsi

Per poi cercarsi

E frugare e lasciarsi frugare senza freni

Tra rovi e spine

Tra mele e more

A mani nude

Nelle valige chiuse

Nei viaggi degli altri

Per cercare e trovare se stessi

Più veri

Più intensi

Con occhi malinconici e dolci

Immensi e bagnati d’amore.

 

Giuseppe La Mura set 2019
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

I tuoi occhi

Così immensi

Che contenevano il mare

I tremuli luccichii delle onde

La spuma

La brezza

Le maree dell’amore.

Ed era bello perdermi nei tuoi occhi

Annegare nelle tempeste del tuo cuore.

Ed ho ancora sete e voglia di Te,

Desiderio di stringerti tra le mie braccia,

Come fossero due ali di farfalla

Per portarti a volare

Verso le mie labbra

Le rive rosse d’un fiume chiamato Amore.

 

Giuseppe La Mura ago 2019
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

Il sale che scotta sulle labbra

Il tuo nome

Diviene un solco

Una vena

Dove scorre l’amore

Che mi incendia l’Anima d’una fiamma

Più forte e intensa dell’amore.

Nei miei pensieri t’incammini

Ti spogli

Per conquistarmi

Svestirmi di desideri e voglie

E le posi sul tuo corpo

Bagnato di me

Dal mare incessante,

Maestro d’Amore.

 

Giuseppe La Mura set 2019
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web