Un libro

Da sfogliare accanto al mare

Pagine dopo pagine

Aperte a caso dal vento

E io ti leggevo nel cuore

Senza distogliere lo sguardo dai tuoi occhi

Senza sapere più cosa fosse il tempo.

Inumidivo l’indice della mia mano

Posavo la mia bocca sulla tua

E con la passione ti sfogliavo,

Ti leggevo

Mentre tu ti spogliavi

Dei vestiti e delle inutili paure.

Poi,

Ancora il vento,

Ci ha separati,

Portandoti via,

Lasciandomi un vuoto incolmabile,

Per sempre.

 

Giuseppe La Mura ago 2019
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

Annunci

La vita,

L’amore,

È condividere insieme

Un altro giorno

E attendere un altro tramonto.

 

Giuseppe La Mura ago 2019
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

Mi manchi

Mi mancano i tuoi occhi

Il tuo sguardo

Che sa cercare dentro di me

Che s’immerge senza paura nei miei bui abissi

Tra le pieghe del cuore più recondite

Dove abita l’unica cosa vera della vita

Il dolore.

Mi manchi

E mi rannicchio

Divento piccolo

Vorrei quasi scomparire

Per non sentire il peso di questo assurdo vuoto.

Mi manchi

Una barca arenata

Senza più mare

Senza più la sua tempesta

Senza più il vento

Che di pensieri riempie il cuore e la testa

Mi manchi

Perchè non so più come si vive soli

Non voglio più tornarci

In quelle stanze che avevo chiuso

Quando tornasti tu

Quelle in fondo al cuore

Dove avevo rinchiuso la parte più brutta di me

Il vuoto del mio destino

E la maledetta solitudine.

Mi manchi

Come a un bimbo manca l’amica del cuore

Come a un papà manca la figlia

Come a un uomo innamorato la sua compagna di vita.

Mi manchi Amore mio

Mi manca tutto di Te

E manca il senso da dare a questa vita.

 

Giuseppe La Mura giu 2019
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

Live is Life – Opus

“Live is Life”

 

All together now
Live is life
Live is life
Live is life
When we all give the power
We all give the best
Every minute of an hour
Don’t think about a rest
Then you all get the power
You all get the best
When everyone gives everything
And every song everybody sings
Then it’s life
Live is life
Live is life
Live
Live is life, when we all feel the power
Live is life, come on stand up and dance
Live is life, when the feeling of the people
Live is life, is the feeling of the band, yeah
When we all give the power
We all give the best
Every minute of an hour
Don’t think about a rest
Then you all get the power
You all get the best
And everyone gives everything and every song
Everybody sings
Then it’s live
Live is life
Live
Live is life
Live 
Live Is life
Live 
Live Is life
And you call when it’s over
You call it should last
Every minute of the future
Is a memory of the past
‘Cause we all gave the power
We all gave the best
And everyone gave everything and every song
Everybody sang
Live is life
26/08/2019

Ti vorrei qui

Accanto a me.

Mentre guardi fuori il mondo dove vivo io

I colori delle colline verdi

L’aria fresca del mattino

L’alba e la speranza che t’accarezza la pelle.

Vorrei

Che tu fossi qui nel mio letto

Sotto il mare calmo e caldo delle lenzuola

Vorrei vederti qui

Mentre sogni a occhi aperti

Che guardi

Che aspetti

Il caffè e la voglia di amarci.

Vorrei

Donarti me stesso

E tutto il mio tempo

Perchè vorrei amarti

Ogni attimo di ogni giorno.

 

Giuseppe La Mura lug 2019
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

L‘amore,

Che mistero.

Non c’è logica in un fiume che scorre

È anche dormire soli

Sulla riva del letto

È fiorire d’improvviso

Anche a dicembre

Sotto un cumulo di neve,

Sotto le foglie malinconiche e secche.

È innamorarsi oltre ogni ragione

È legare il cuore,

Una valigia logora,

Con un esile filo di seta

Sperando che duri per sempre

Durante quel folle viaggio.

 

Giuseppe La Mura ago 2019
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

Siamo parole

Siamo mari di parole

Sospese nel cielo

Posate sulle nuvole

Sprofondate negli abissi più reconditi del cuore.

Siamo parole scritte nei nostri occhi

Sulle mani

Sui libri che scriviamo

Che raccontano dei nostri anni

Che parlano di errori, di dolori.

Siamo parole non dette

Gesti incompiuti

Di amori nati, cresciuti e poi andati.

Siamo parole nuove

Parole di cambiamento,

Non tutti possiamo leggere bene,

Le parole che hanno scritto per se stessi, gli altri.

È destino,

Quello di non comprenderci

Di non tenerci

È destino amarsi

E di leggersi dentro e poi lasciarsi,

Di frugarsi tra pagine incomprensibili

Senza aver mai paura di stancarsi

Senza mai lasciarsi.

E’ Amore la voglia di lasciarsi leggere

Spogliarsi per raccontarsi.

E io amavo leggerti, spogliarti,

Vederti spogliare per lasciarmi leggere

Tutto ciò che tenevi segretamente nascosto dentro.

Giuseppe La Mura ago 2019
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web