La notte

Questa notte scivola via

Sei una gatta che prima si lascia accarezzare

Poi scappi e ti nascondi

Complice ti è il buio mentre ti guardi intorno.

Vorrei esserci io dinanzi al tuo specchio

Vorrei che mi guardassi negli occhi

Mentre giochi passandoti la mano nei capelli

E vorrei ti specchiassi nei miei occhi

Vedresti quanto ti immagino donna

Mentre Tu nel cuore

Ti vedi ancora ragazzina

Mi attrae il tuo sorriso

Mi piace quando mi guardi e abbassi lo sguardo

Vuoi dirmi qualcosa

Ma lo sai nascondere bene

Perchè vuoi che ti venga a cercare ogni giorno

Specchiandomi il cuore

Nei tuoi occhi neri e dolci.

 

Giuseppe La Mura lug 2018
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

Annunci

68e42ca59e400ac9c3be454f4da7923a.png

Apro gli occhi

E il sole m’attraversa il Cuore

Come il sale in una ferita fatta  d’Amore.

Vorrei potermi nascondere nel buio delle notti,

Non farmi trovare dal giorno,

Perchè il dolore pesa quanto un grammo di sole.

 

Giuseppe La Mura mar 2019
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

 

I belive – Bob Sinclair

“I belive”

 

This world has brought you down to your knees
You’re not alone, everybody needs
To believe in something
To believe in one thing
I believe in you
Living your life like it’s on the brink
Drifting away on a broken ship
But I believe in something
I believe in one thing
I believe in you
Oh oh oh
Ooh oh oh oh oh, oh oh
I believe in something
I believe in one thing
I believe in you
Oh oh oh
Ooh oh oh oh oh, oh oh
I believe in something
I believe in one thing
I believe in you
I believe in you
I believe in you
I believe in you
I believe in you
You’ve been so numb for the longest time
Losing your faith, yeah, it’s left you blind
But I believe in something
I believe in one thing
I believe in you
Stop hesitating, the road is bright
Dream it, do it, don’t you know you have the right
To believe in something
To believe in one thing
I believe in you
Oh oh oh
Ooh oh oh oh oh, oh oh
I believe in something
I believe in one thing
I believe in you
Oh oh oh
Ooh oh oh oh oh, oh oh
I believe in something
I believe in one thing
I believe in you (I believe, I believe)
I believe in you
I believe in you (I believe, I believe)
I believe in you
I believe in you (I believe, I believe)
I believe in you
23/04/2019

El beso – Pablo Alboran

“El beso”

 

Si un mar separa continentes
Cien mares nos separaran a los dos
Si yo pudiera ser valiente
Sabría declararte mi amor
Que en esta canción
Derrite mi voz
Así es como yo traduzco el corazón
Me llaman loco por no ver lo poco que dicen que me das
Me llaman loco por rogarle a la luna detrás del cristal
Me llaman loco si me equivoco y te nombro sin querer
Me llaman loco por dejar tu recuerdo quemarme la piel
Loco, loco, loco, loco, loco.
Loco, loco, loco
Pero si yo pudiera darte el beso
Sabrías como duele este amor
Y podré invertir el universo
Para quedarnos en la nada tu y yo
Si acaso te vas
Sin poderte tocar
Me veo de nuevo dando de qué hablar
Me llaman loco por no ver lo poco que dicen que me das
Me llaman loco por rogarle a la luna detrás del cristal
Me llaman loco si me equivoco y te nombro sin querer
Me llaman loco por dejar tu recuerdo quemarme la piel
Para mi locura no existe una cura que no sea tu boca
Que abre el mundo que yo me derrumbo si te marchas sola
Me llaman loco por no ver lo poco que dicen que me das
Me llaman loco por rogarle a la luna detrás del cristal
Me llaman loco si me equivoco y te nombro sin querer
Me llaman loco por dejar tu recuerdo quemarme la piel
Loco, loco, loco, loco, loco
Loco, loco, loco
23/04/2019

Spegnerò questa piccola luce

Che mi sta ancora accanto

Qui tra la solitudine e il letto.

Spegnerò quel che resta del giorno

E mi lascerò prendere dal buio della notte.

Abbraccerò il cuscino

E immaginerò di avere Te accanto

Il tuo viso tra le mie mani

I tuoi capelli sul mio viso.

Il tuo respiro

Sarà identico al mio

Il tuo profumo lo ritroverò

Man mano che mi incamminerò verso di Te.

Seguirò gli stessi passi che mi portavano a te

Gli stessi sorrisi

Le stesse parole

Le stesse carezze sul viso

Ti Amerò come ti amo tutti i giorni

E sarà uguale a noi

A quando ci amavo un tempo.

Giungerò alle porte del silenzio

Dove busserò alla porta tuo cuore.

Non farò rumore

Mi aprirai,

Mi chiederai cosa ne avessi fatto del giorno,

E ti risponderò che avrò scritto ancora

Su un pezzo di carta, sul cuore,

Sui veli dell’anima

Perchè tu leggessi ancora.

Mi prenderai allora le mani

E mi bacerai per non lasciarmi solo.

 

Giuseppe La Mura apr 2019
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

Ho lasciato alle parole

Dirti che mi manchi

Le parole accarezzano

Sfiorano

Accendono e scaldano l’anima.

Le parole baciano i pensieri

Le parole si posano sulle tue rosse labbra.

Ho lasciato alle poesie

I miei giorni vissuti con Te dentro,

Ho lasciato e lascerò scorrere il tempo

E altre parole silenziose

Saranno poesie e fogli ingialliti

Si poseranno sui tuoi occhi

Mentre leggerai il mio nome

Accarezzarti le labbra.

 

Giuseppe La Mura apr 2019
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

Going back to my roots – Odissey

“Going back to my roots”

 

Zippin’ up my boots 
Goin’ back to my roots 
Yeah
To the place of my birth 
Back down to earth.
I’ve been standing in the rain 
Drenched and soaked with pain
Tired of short time benefits 
And being exposed to the elements. 
I’m homeward bound 
Got my head turned around.
Zippin’ up my boots 
Goin’ back to my roots 
Yeah
To the place of my birth 
Back down to earth. 
Ain’t talkin’ ‘bout no roots in the land
Talkin’ ‘bout the roots in the man. 
I feel my spirit gettin’ old 
It’s time to recharge my soul 
I’m zippin’ up my boots 
Goin’ back to my roots 
Yeah
To the place of my birth 
Back down to earth.
Zippin’ up my boots 
Goin’ back to my roots. 
To the place of my birth 
Back down to earth.
24/04/2019

Vorrei che restassi

Nonostante il freddo, gli autunni

Nonostante gli alberi nudi e spogli

Vorrei che restassi

Nonostante le primavere

E il susseguirsi degli inverni.

Vorrei che restassi

E non ti soffermassi sulle mie malinconie

Sui miei anni

Che come foglie volano

Come le tristezze.

Vorrei che restassi

Come resta il vento

Come fossi pioggia fresca sul mare d’estate

Come le emozioni che restano scritte sui muri

Perchè l’amore resta

E il cuore non sarà mai una giostra

Anche quando è finita la festa.

 

Giuseppe La Mura apr 2019
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

Quanto ho camminato

Con le mie dita

Tutti i tuoi silenzi

Tutte le tue ferite

Tutti i tuoi dolori e le gioie vissute

Quanta strada ho percorso

Sotto la pioggia silenziosa delle tue lacrime

Scritte sulla tua schiena

Scritte e vive tra il sangue e le tue ossa.

Quanto cammino insieme

Quanta strada percorsa

Quanto passato mi hai mostrato

Tutto il dolore mi hai donato

E io l’ho amato vissuto abbracciato

Ogni volta che t’accarezzavo le tue esili spalle

Quanta forza e amore vi ho visto annegate in esse

E più baciavo e accarezzavo la tua schiena

Più entravo dentro di te

Più mi prendevi la mano

E la conficcavi nella tua carne

E mi davi le chiavi per entrare

Nelle stanze segrete

Dove ti lasciavi amare da me.

 

Giuseppe La Mura apr 2019
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web