Ho la notte ricamata sul cuore

Una camicia tinta di sangue

D’un altro Tramonto.

Il dolore è un ago che la trapassa da punto a punto

Un rivolo invisibile di sangue

Segue il percorso tracciato da questa vita

E ogni notte lo ripercorro con le dita

Sento i ricordi

Pulviscoli di inutili amori

Caduti come stelle sulla muda terra.

Intanto cado

Tra vino e altri alcool

Barcollo

E vado incontro alla notte

Ad altro ago e filo

Ad altri ricami

Fatti di fiumi deserti e sassi di parole.

 

Giuseppe La Mura mar 2019
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web