#piccoleStoriediAmore

pavimento

“Io che scrivo storie, le chiamano pure poesie, insomma io che vomito fiumi di baci, sentimenti, emozioni, descritte con l’uso a volte improprio delle parole sono sincero soltanto se vi dico che non ce l’ho un amore perchè ancora non ci ho capito un cazzo sull’amore. L’ho sfiorato, sentito, intuito soltanto, forse.”

Giuseppe La Mura lug 2017
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

Annunci

mare

Una lacrima

È un immenso dolore

Raccolto nello sguardo perso nel vuoto

È un mare nelle tempeste del cuore.

 

Giuseppe La Mura lug 2017
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

#piccoleStoriediAmore

caffè.jpg

“Una Donna non ha mai tregua durante la sua giornata. Ci mette il cuore, la mente, l’anima ogni parte di se stessa. In amore, al lavoro, in famiglia, con gli amici, sempre. A volte diventa così scontato il suo essere che molti cominciano a non “guardarla” con gli stessi occhi. Infatti lei non cambia per chi la osserva non conoscendola. Cambia per tutti quelli che non si accorgono più della sua presenza.”

Giuseppe La Mura lug 2017
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

Bella d’Estate – Mango

“Bella d’Estate”

 

È solo un addio,
Credimi io non ci penso mai.
Vedo che hai pianto
Tu lo sapevi ma da quando?
Bella d’estate vai via da me
Notte d’incanto
È bello vedere le luci laggiù
Io sono stanco
Non voglio parlare… parla tu
Bella d’estate vai via da me
Forse perché ti credevo felice così
Proprio così fra le mie braccia
Forse perché ci bastava arrivare fin qui
Come onde di notte sulla spiaggia
La la la la la
La la la la la
Piccoli fuochi,
Noi siamo zingari di periferia
I nostri son giochi
Che durano poco
E la notte se li porta via
Bella d’estate vai via da me
Forse perché ti credevo felice così
Proprio così fra le mie braccia
Forse perché ci bastava arrivare fin qui
Come onde di notte sulla spiaggia
La la la la la
La la la la la
Chiudi gli occhi e ti senti per sempre così
Ancora qui fra le mie braccia
Per tutti e due basterebbe tornare fin qui
Come onde di notte sulla spiaggia
16/03/2019

lei.jpg

I miei giorni

Non sono miele zucchero e cannella.

Scale ripide da percorrere

A perdifiato e rotta di collo.

Ma il tempo è bugiardo, divora tutto.

Il prezzo è alto.

La mia vita scivola verso il basso

Nessun corrimano per poggiarsi

Come un respiro per sorridere e prendere coraggio.

E gioco tutto al tavolo della fottuta ragione

Oggi un’emozione

Domani un amore

Dopodomani perderò la mia Anima che muore.

 

Giuseppe La Mura apr 2017
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web