Quando lo hai incontrato,

Lo senti dentro di te l’amore,

Sai cosa vuol dir per sempre.

Hai ogni giorno un emozione bella da raccontare

Un attimo da rivivere

Un bacio un abbraccio da ricordare,

Una parola da aggiungere alla tua vita

E se resti sola

Poco t’importa.

Ti basta tutto quel bene

Che l’amore,

Quella persona,

Ti ha scritto e lasciato addosso.

E stavolta sei tu

Che lasci fuori dalla porta di casa il Tempo,

Quello che vorrebbe soltanto logorarti

E portarti via il ricordo dell’amore.

Allora lo lasci fuori dal cuore,

Lasci che vano

Sia inutilmente ad aspettarti.

 

Giuseppe La Mura 17 feb 2019
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

Annunci

1

Vorrei ubriacarmi di Te,

Ma resto qui, immobile,

Mi fermo a pensare che non ho Te, l’Amore.

E’ una sera come fosse un foglio nero,

Su cui saprei cosa scrivere,

Ma che non leggerebbe nessuno.

Potrei inventarmi di scriverti col candore dei raggi di Luna,

Ma la notte buia mangerebbe tutto, anche il candore qui dentro me.

Ma respiro le emozioni,

Mi battono forte nel petto

Come un mare percosso dal vento,

Sento le onde racchiuse in uno spazio stretto

Che smuovono le lenzuola del mio letto,

E io sembro un contenitore,

Un Cuore come lo chiameresti Tu,

Una bottiglia con dentro un messaggio,

Scritto su quel foglio nero,

Di parole piene zeppe di Amore vero.

E mentre sulle labbra poso il tuo nome

Mi ubriaco di Te.

 

Giuseppe La Mura 13 feb 2019
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

All’alba

I nostri sogni li raccontavamo,

Parlavano di noi,

E degli abbracci stretti

Per non perderci nelle solitudini

Né quella notte, né mai.

Appena sveglia mi sorridevi

Avevi le fossette ai lati delle guance

Mi avvicinavo per baciarle

E già il tuo cuore era lì in attesa

Affacciato al davanzale delle tue labbra

E nasceva un altro giorno insieme.

Ti portavo il caffè

La colazione fatta sul letto

E poi insieme ad affacciarci al sole

E a tirar un pò di fumo dalla stessa sigaretta.

Tu che raccontavi della tua vita

Mentre mi stringevi le mani,

Camminavamo a piedi scalzi,

In punta di piedi mi lasciavi entrare nel tuo intimo mondo

E imparavo a conoscerti, sentirti, respirarti,

A guardarti nel mar dei tuoi occhi,

Ad accarezzarti l’anima dai tuoi vecchi e brutti ricordi.

È sempre stato bello star con Te

Dall’alba, dai baci, dagli abbracci

Fino al tramonto

Fino alla fine d’un racconto.

 

Giuseppe La Mura 18 feb 2019
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

Nel letto

Lasci le impronte della notte

Guardi fuori

E vesti i tuoi occhi di nuove speranze.

Nei miei occhi

Ci sono immagini di Te

Fotogrammi, pagine di libri e poesie di tramonti

Ci sono passeggiate nei parchi

Racconti brevi ed esili come fili d’erba

Ci sono attimi di vita vissuti con te

E mentre tu spalanchi gli occhi al nuovo giorno

Io mi vesto di ricordi

Indosso il tuo amore

E aspetto di disegnare un altro tramonto

Con un foglio bianco tra le dita.

 

Giuseppe La Mura 18 feb 2019
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

Vorrei poter esser vento

Per accarezzarti la schiena

E sentir il mio respiro

Come fosse fruscio attraverso i tuoi capelli.

Vorrei che cadessero le paure

Come le foglie in autunno

Quando arrivano i primi tremori dell’inverno

Vorrei poterti dire di non temere

Stretta fino a scomparire in un abbraccio

Se la vita getta in mare i nostri sogni

Come col sole

Sul far d’un malinconico tramonto.

 

Giuseppe La Mura 15 feb 2019
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

Ti guardi allo specchio

Nei fogli di carta

Dove racconti la vita

Mentre scivola via

Dal cuore all’inchiostro.

Ti vedi da sola in quel mare di parole

In quell’oceano ghiacciato,

Silenzio e sospeso

Dove vivi e senti le emozioni che respiri.

Ti guardi indietro

In quei cumuli di pensieri

Scritti negli anni

Cresciuti insieme alle rughe e agli affanni

Ti volti un istante

Distogli lo sguardo dal presente

Per sfiorare il passato

E immaginare la strada da fare

La valigia del cuore da preparare

Per continuare ad amare.

 

Giuseppe La Mura 16 feb 2019
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

Leggere,

Leggere un libro

Leggere i comportamenti della gente

Leggere negli occhi le parole non dette

Leggere e trovare l’amore

Per caso,

Smarrito e perso,

Ammazzato, deriso, nascosto.

L’amore lo trovi per caso

Che cammina perso nel mondo.

 

Giuseppe La Mura 16 feb 2019
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web