Le prime ore del mattino

Sospesa nel limbo

Tra la notte oramai del buio stanca

E il giorno con la sua luce che lentamente arranca.

E tu sei nel mezzo,

Ferma nel tuo letto,

Matrimoniale, a due piazze, a due corpi e due cuori.

Condividi tutto con la solitudine,

Soltanto il tuo lato è un mare caldo

E ha impresse le forme dei tuoi seni e dei tuoi sogni.

Il tuo letto,

Dove consumi sogni e notti,

Sarà un limbo eterno.

C’è una metà

Che resterà un oceano freddo e sconosciuto,

Come lo è l’altra faccia nascosta della luna.

 

Giuseppe La Mura 14 gen 2019
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

2 pensieri su “

  1. .. Luna che riflette ogni fragilità e che la prende con sé lasciandola poi al sole affinché sia lui ad illuminarla, accecando ogni occhio che non vuol vedere.

    Scusa se mi sono permessa ma la profondità ispira l’andare ancora più in là, nel proprio io. Grazie,

    Piace a 1 persona

I commenti sono chiusi.