Attraversi i tramonti

Prendi il cuore

E lo porti tra le mani

Ogni giorno un viaggio in un guscio di noce.

È così che sopraggiunge la notte.

Una ferita che s’apre nel mare al tramonto

E il tuo cuore affonda nelle viscere del buio,

Affiora tra i ricordi,

Tempeste tra dolori e amori.

Attraversi i tramonti ad ogni notte,

Ti ritrovi all’alba a giacere come fossi un’estranea

Nel tuo letto bianco tra spume di lenzuola in riva al mare

Ti ritrovi da sola

Nel tuo letto bagnato di acqua, sale e una ferita che brucia ancora.

 

Giuseppe La Mura 8 gen 2019
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web