15363300306_ded08c4b4e_b.jpg

Mi sento in pericolo senza Te,

Vorrei fossi qui a tenermi la mano,

Come facevi quando mi rannicchiavo

In quel piccolo angolo d’albergo,

Prima che tu partissi e andassi via da me.

Mi sento il vuoto dentro che mi racconta di Te,

E non immagini i brividi che ancora provo,

Quando ascolto nei ricordi il dolce suono della tua voce,

La sento così calda come se tu fossi ancora qui accanto a me.

A volte,

Si lo confesso, piango.

Mi sento così inutile a questo mondo,

Non ci sarai mai più,

Sei andata via e io non ho potuto trattenere quel vento.

Vorrei che sapessi che sei sempre davanti ai miei occhi,

Sei sempre nel biglietto d’un treno immaginario,

Che sei nelle mie lacrime e sorrisi,

Che sei nelle mie poesie e nei miei libri.

Vorrei dirti che mi manchi,

Vorrei dirti che sogno ancora di vederti sulla porta di casa mia,

Con un abbraccio stretto

Che serbi, gelosamente come me, dentro una piccola valigia.

 

Giuseppe La Mura 4 gen 2019
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

Annunci

Il pescatore di asterischi – Samuele Bersani

“Il pescatore di Asterischi”

 

C’è un quaderno che nascondo
Ma non ho mai scritto cosa sei per me
Perchè è facile
Tu mi leggi dentro io no
Se gli errori li cancello
Resta la peggior calligrafia
Che ho avuto in vita mia
Nuda lì sul foglio
Io sono un pescatore di asterischi
Sotto un’onda a forma di parentesi
Rotonda che mi porta via
Non si può partecipare
Subito a un concorso di poesia
Che idea intitolarlo apnea
Vale un primo posto
In questo gioco di pensieri sporchi
Sopra un letto prima di abbracciarti
Mi connetto e penso insieme a te
I tuoi capelli neri a
Punta d’inchiostro
Si aggrovigliano ai miei
Io polipo tu seppia
Non vuoi farti mangiare però
Nella vita c’è sempre un però
Un cielo che si appoggia sul mare
E tu impari chi sei
Come giocolieri esperti
Tutto il tempo a cercare
Il senso gravitazionale che non c’è
E c’è un grillo che nascondo
Ogni tanto esce e dice che chissà
Chissà se anche lei
È pura fino in fondo
In questo gioco di pensieri sporchi
Sopra un letto prima di abbracciarti
Mi connetto più vicino a te
E tu sei bella come quella madonna
Che un giorno qualcuno pescò
Anche il polipo e la seppia
Non si fanno più male e no
Son saliti a guardare
Il cielo che si spegne nel mare
Laggiù dove sono gli dei
Siamo giocolieri
Non sprechiamo il tempo a cercare
Il senso gravitazionale che non c’è
Il senso
Siamo giocolieri
Non sprechiamo il tempo a cercare
Il senso gravitazionale che non c’è
Il senso
Siamo giocolieri
Non sprechiamo il tempo a cercare
Il senso gravitazionale che non c’è
Il senso
Il senso

 

13/01/2019