15363300306_ded08c4b4e_b.jpg

Mi sento in pericolo senza Te,

Vorrei fossi qui a tenermi la mano,

Come facevi quando mi rannicchiavo

In quel piccolo angolo d’albergo,

Prima che tu partissi e andassi via da me.

Mi sento il vuoto dentro che mi racconta di Te,

E non immagini i brividi che ancora provo,

Quando ascolto nei ricordi il dolce suono della tua voce,

La sento così calda come se tu fossi ancora qui accanto a me.

A volte,

Si lo confesso, piango.

Mi sento così inutile a questo mondo,

Non ci sarai mai più,

Sei andata via e io non ho potuto trattenere quel vento.

Vorrei che sapessi che sei sempre davanti ai miei occhi,

Sei sempre nel biglietto d’un treno immaginario,

Che sei nelle mie lacrime e sorrisi,

Che sei nelle mie poesie e nei miei libri.

Vorrei dirti che mi manchi,

Vorrei dirti che sogno ancora di vederti sulla porta di casa mia,

Con un abbraccio stretto

Che serbi, gelosamente come me, dentro una piccola valigia.

 

Giuseppe La Mura 4 gen 2019
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web