97568381_1361296078_1_fig_1

E’ autunno

dentro la mia casa,

nell’anima piove il freddo,

taglia silenzioso a fette le emozioni

come il vento taglia il volto alle passioni.

ed ora che è autunno

mi ricordo del profumo del tuo cuore addosso,

del cappotto di abbracci tirati e stretti con dei lacci

come le cime tengono strette le barche

per non perderle e  lasciarle andare.

ed ora che è autunno

ci vorrebbe un acquazzone di baci

che inondi e tracimi

per portarmi via e per sempre

per stare accanto a te

ci vorrebbe

un amore così grande

da starci tutto in un bacio e un abbraccio

che riscaldi la pelle

e porti via il freddo di quest’inutile autunno senza Te.

 

Giuseppe La Mura nov 2018
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

 

Annunci

li

Sfiori i tasti d’un piano

fermo e immobile come te,

sospesa in un tempo che corre.

Resti,

di pensieri sparsi

come una musica solo nella tua testa

che devi ancora decifrare e scrivere.

Sei sospesa tra le righe e gli spazi

con i piedi nudi cammini sulle nuvole

e il cuore lo sollevi appena da terra.

Cerchi dentro di te

un biglietto

per un viaggio assurdo

impossibile da realizzare,

cerchi l’amore che non puoi vivere

ma resta un sogno che veste il tuo cuore di ali

E la musica da lontano ti spinge in alto

verso il mare sospeso nel cielo

come se

sentissi l’amore vivere soltanto dentro di te.

accarezzi i desideri nel petto,

sfiori le corde emozionali

e i battiti del cuore iniziano a suonare

come se facessi l’amore,

tu da sola,

con i sogni e i desideri racchiusi

nel cuore di quel solitario pianoforte.

 

Giuseppe La Mura nov 2018
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web