farfalla

Tenersi

È respirare l’aria intorno a noi

Tra un’alba che sorge e un’altra

È veder nascere la rosea tenerezza del viso

La dolcezza del tuo sguardo al mattino.

È leggersi negli occhi

Lo stesso desiderio di scappare al mare

E colmarsi di infinito le Anime di abbracci

Mentre respiriamo i nostri silenzi nei sorrisi.

È assaporare le brezze disperse nei venti

I morsi dei baci stretti tra le labbra e le mani

D’incontrarsi con la stessa identica voglia

Di non perdersi per stringersi fino alla notte

Che ci troverà abbracciati per Amarci ancora.

 

Giuseppe La Mura apr 2018
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

Annunci

mare.jpg

Il cuore

È avvolto come un aquilone

Abbandonato alle carezze del vento

Nel buio battono i tonfi, le infinite maree

Che disperdono il suono del silenzio,

E io nudo sono vestito di ruvido velluto rosso

Le emozioni sono maree, bagnano la pelle

La ricoprono di dolci brividi caldi

Tracciando una scia nel soffitto degli occhi

Fino a congiungere le stelle nel cielo

E riempire di desideri i baci sognati per Te

E nei voli di gabbiani ci sono le speranze

Figlie degli amori veri e difficili

Ti penso e disegno un’altra notte

Impastata della tenerezza di mille tempeste

E ti tengo stretta nel cuore

I tuoi respiri,

Gli infiniti battiti, il canto del tuo mare.

 

Giuseppe La Mura apr 2018
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

margherita.jpg

Quando mi darai il Cuore

E lo donerai come fossi Fiore

A me, giardiniere per un solo istante

Dove ti terrò al sicuro tra le mie mani calde.

E sarai Amore puro

Quando andando via

E senza strapparti l’Anima

Ti lascerò vivere ancora nelle tue radici.

 

Giuseppe La Mura apr 2018
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

lei.jpg

Viene l’alba
La vita sembra così in ordine
E un pò di vento
Agita le tende
Mette disordine nelle stanze del cuore
E inizia un giorno di nuove speranze
Già all’alba ti vesti
E metti in circolo tutte le tue emozioni
Le speranze di un amore
Nel Cuore.

 

Giuseppe La Mura apr 2017
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

lui

L‘odore del disordine intorno a me
Vedere pagine di libri
Sparpagliati e aperti nel cuore
Quante pagine aperte a caso dal vento
Cercare tra decine centinaia migliaia i finali
Ma uno da scrivere ancora
Tutto nuovo
Soltanto opera del mio vivere.

Quanto disordine intorno a me
Quanti sorrisi e pianti ancora
Quante sigarette da fumare
Vini da assaggiare
Notti da imbiancare
Per amare le labbra di chi mi cerca

Di Lei che resta per volermi e tenermi ancora
Quelle stesse labbra che desidero
Quelle per amare Lei
Baciare le labbra di un’unica grande Donna.

 

Giuseppe La Mura apr 2017
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web