Feel – Robbie Williams

“Feel”

 

Come and hold my hand
I wanna contact the living
Not sure I understand
This role I’ve been given
I sit and talk to God
And he just laughs at my plans
My head speaks a language
I don’t understand
I just wanna feel
Real love feel the home that I live in
‘Cause I got too much life
Running through my veins
Going to waste
I don’t wanna die
But I ain’t keen on living either
Before I fall in love
I’m preparing to leave her
Scare myself to death
That’s why I keep on running
Before I’ve arrived
I can see myself coming
I just wanna feel
Real love feel the home that I live in
‘Cause I got too much life
Running through my veins
Going to waste
And I need to feel
Real love and the love ever after
I cannot get enough
I just wanna feel
Real love feel the home that I live in
I got too much love
Running through my veins
To go to waste
I just wanna feel
Real love and the love ever after
There’s a hole in my soul
You can see it in my face
It’s a real big place
Come and hold my hand
I wanna contact the living
Not sure I understand
This role I’ve been given
Not sure I understand
Not sure I understand
Not sure I understand
Not sure I understand
Annunci

Cosa sono le poesie,

Nulla, per me che sono un uomo,

E non un poeta.

Le poesie sono gocce di sorrisi

Qualche lacrima

E infiniti pensieri persi tra le righe del cuore.

Partoriscono nascendo dall’Anima

Quando viene attraversata dalle spine

E fecondata dalla Vita che lacera.

 

Giuseppe La Mura feb 2018
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

#piccoleStoriediAmore

In realtà siamo tutti soli, uomini e donne. Ma l’amore è un bene in comune che lega due anime, serve a non restare soli durante il nostro cammino, durante le guerre, durante le perdite e le sconfitte. L’amore in comune è solo questo. Camminare insieme, sceglierlo entrambi, ogni giorno, ogni istante.

Giuseppe La Mura feb 2018
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

lei

Ti sfioro il cuore

Ti penso e t’accarezzo l’Anima

L’aria è fredda

È una trapunta pungente questo inverno

Lascia le labbra salate di brezza marina

Ha lo stesso sapore delle carezze.

Come è dolce l’estate

Ci sono gocce di teneri baci

Sciocchi che salgono e bucano il cielo

Che colmano il vuoto lasciato dal giorno

Quando tutte le stelle son spente.

Ti abbraccio stretta nei pensieri

Ti accolgo come la sabbia

Son fatto della stessa pasta che beve le maree

Che si abbandonano silenziose

Sulle spiagge nude

Mi manchi mentre mi copre l’Amore.

 

 

Giuseppe La Mura feb 2018
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

portici

Il luogo più bello

Dove incontrarci

Quando i giorni sono pieni di solitudini

Trascorsi tra le nebbie di guerre oramai perse

È nel Cuore

È lì che vengo a cercarti

Per accarezzarti, incontrarti

Starti accanto tutto il tempo che potrai.

 

Giuseppe La Mura feb 2018
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web