papaveri

Amo il mare

Gettato come un sasso

Annego i peccati tra le sue Maree

Un campo di papaveri rossi sferzati dal vento

E il Cuore palpita lieve di luce d’Amore

Come lo scintillio dei tuoi occhi

Che sfavillano d’oro e di baci ruvidi di grano

E nel frattempo che muoio

Il sole si spegne mentre sussurro che t’amo

La notte infiamma le stelle

Siamo Anime perse legate a invisibili fili

In un cielo ricamato da trame fitte blu cobalto.

 

Giuseppe La Mura lug 2017
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

loro

Sei inarrestabile tempo, ma stanotte ti fermerai

Resterai intrappolato tra i baci e le corde che tesserai

Negli istanti in cui vivremo le ombre di noi

Perchè col sorgere del sole non ci separeremo mai

 

Stefania Palamidesi & Giuseppe La Mura lug 2017
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web