due.jpg

Aveva un’Anima

Profonda

Come l’Amore che celeva tra le mani

Andammo in riva al lago

Mi avvicinai alle sue labbra

Sentii il suo caldo respiro sulle mie

Si avvicinò con la mela lucida rossa

E ci baciammo nel silenzio d’una notte d’estate

Mentre i Cuori si parlavano e promettevano

E le mani rubavano spighe di grano.

 

Giuseppe La Mura giu 2017
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...