letto

Lei era via

Via da Lui

Era andata a ballare con la Vita a braccetto.

L’Amore e Lui

Invece Morivano

Travolti dal freddo improvviso dell’indifferenza

Rannicchiati tra libri e lenzuola

Ed il Cielo caduto di notte sul vuoto letto.

 

Giuseppe La Mura mag 2017
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

lei

Proverò a contare le fughe

Guàrderò il pavimento

Le sue linee intrecciarsi

Perfette e pulite

Conterò i chilometri di linee

Che s’intrecciano nella casa

Che s’incastrano come righelli nei pensieri

Conterò

Ed esausto di un infinito cammino dormirò

Con il Cuore perso negli occhi della notte

Per raggiungere e cercare Te

Che colmi l’immenso silenzio vivo dentro me.

 

Giuseppe La Mura mag 2017
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

donna

Luna Piena

Tonda pure nei sui spigoli

Si cela dentro gli angoli dell’Anima

Accende una flebile candela

M’aspetta con i suoi chiari dubbi

M’invita nei suoi labirinti d’Anima

Lei guerriera impavida senza macchia

M’attrae nella sua foresta per un’imboscata

Prendere tutto il mio Amore

Mettermi in circolo nelle sue vene

Fermarmi nel suo Cuore.

 

Giuseppe La Mura mag 2017
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

fiori

Vivo con il Dolore

Ci guardiamo nella stessa vuota stanza

Parliamo di noi

Dei nostri sogni di speranza,

Di_sperati che hanno perso treni mai giunti

E nel lurido giardino crescono Fiori

Quelli che tutti disprezzano

Quelli che tutti strappano e offendono

Quelli che muoiono per l’egoismo

E ingenui ogni volta per amore ricrescono.

 

Giuseppe La Mura mag 2017
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web