#piccoleStoriediAmore

nuda

E immagino Eva che sussurra qualcosa tra se e se poco prima di cogliere la mela:

-” ma di quale peccato cianciate, di cosa dovrei aver timore se colgo la mela di quell’albero piuttosto che degli altri? Non siamo tutti uguali noi figli di Dio? cos’è questa differenza? Questa disuguaglianza? Razzismo? Classismo?
Siamo nati per Amore e l’unico nostro senso è Amare questa vita, amarci, non puntare l’indice, non uccidere, non mistificare la realtà.
Io la mangerò lo stesso questa mela proibita, perchè sono nata libera, pura dal peccato.
Il peccato è non vivere, il vero peccato è non Amare, equivarrebbe a non conoscere, a non discernere il bene dal male.”-

L’immagino così Eva, ed era una Donna forte e intelligente, libera da ogni forma di peccato.

Giuseppe La Mura gen 2017
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

#piccoleStoriediAmore

lei.jpg

“Se sai giocare, sfiorando appena con dolcezza il profondo dei suoi occhi, senza aver timore alcuno, senza limiti e freni, senza regole, senza esser scortese, accarezzando le sue mani tremanti, i suoi seni gonfi, abbracciandola nelle sue piccole infinite fragilità, con tatto e riverenza, con sorriso ed eleganza, con ruvidezza e gentilezza, sussurrandole parole languide, senza mai presunzione alcuna, penso che una Donna potrebbe sciogliersi nei capelli e farti sentire il profumo del dolce caldo ventre.”

Giuseppe La Mura gen 2017
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

lei.jpg

Arrivò l’inverno nei Cuori

Non avevamo abbastanza Amore

Per riscaldarci le mani.

Lasciammo le imposte spalancate

Negli occhi spenti

Spirò silenzio,

Portò via tutto di noi

Disperdemmo le Anime nel vento gelido.

Giuseppe La Mura gen 2017
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web