specchio.jpg

Pioveva

Lei tornò a casa

Lo stesso tragitto di tutte le sere.

Si svestì dei dolori

Tolse le vesti

Riordinò i pensieri crespi intrappolati nei capelli

Lavò le mani sporcate dalla vita

E lasciò indosso soltanto le parole.

Anche quando faceva l’Amore

C’erano parole scritte, dettate sul suo corpo

Molte giacevano da tempo,

Mute e immobili su di Lei.

Parole d’una intera vita vissuta

Per non dimenticare.

Lei

Non aveva mai l’Anima nuda

E ogni sera andava avanti così.

Giuseppe La Mura gen 2017
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

ciupa.jpg

Conosco donne
Sanno incantar serpenti
Lasciarsi dar un morso
E Vendere il nettare delle succose labbra.

Conosco Uomini
Vagano con l’Anima bacata
Per un torsolo di mela
Colta all’alba d’una vita incerta, ancor acerba.

Giuseppe La Mura gen 2017
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

mare

Rubare i sogni è un delitto

Togliere le caramelle ai sognatori

È facile quanto sottrarre desideri ad un bambino.

E rubare l’innocenza

È sottrarre i colori della propria Vita.

Che ognuno serba nella scatola

Dei colori più luminosi

Con i quali tinge Il proprio Arcobaleno.

Giuseppe La Mura gen 2017
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web