due

Parole nuove

Vorrebbero scriverti la pelle

Scoparti dalla cima dell’Anima

E penetrare l’Abisso profondo dei tuoi occhi.

Il mio Cuore incede

Batte in perenne bilico la mente

Prigioniera del Tuo esser Donna,

Sei infinita, sei la più dolce Poesia.

Cammino tra le tue Stelle

E perdo me stesso sui tuoi turgidi seni

Baciando quel fertile solco della tua nuda terra

Mordendo la vita d’una farfalla un solo giorno

Avvelenandomi alla tua fresca fonte

Che scorre dalle tue succose morbide labbra.

Giuseppe La Mura gen 2017
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web