Piccole Storie d'Amore

gocce

La amavo
perchè raccontava
bene le bugie.
si abbandonava languida
i veli della innaturale pudicizia,
del timore di esser giudicata
della paura di sentirsi non più amata…
ma io l’amavo
ad ogni piccola bugia
e la amavo sempre di più
sapeva perfettamente dosarMi
quel suo dolce veleno
in ogni bacio che donava
cercava la pace tra le candide lenzuola
dove lei si purificava

Giuseppe La Mura set 2015
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

View original post

Annunci

#piccoleStoriediAmore

siga.jpg

La vita la fumo, dopo un caffè, durante un viaggio, dopo un amaro, dopo l’Amore.
E amare la vita nuoce gravemente alla salute.

Giuseppe La Mura nov 2016
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

#piccoleStoriediAmore

valigia.jpg

Parti, a volte anticipi per scappare o perchè viceversa hai fretta d’arrivar prima. Altre volte t’attardi e aspetti l’ultimo treno per evitare di soffrire. Altre volte t’anticipi perchè le sofferenze sono troppe.
Ma quanto siamo opportunisti.

Giuseppe La Mura nov 2016
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

#piccoleStoriediAmore

maglia

E i sogni ci passeranno tra le mani anche in questa notte fredda e scomoda. S’infileranno nei nostri pensieri coccolandoci e scaldandoci l’Anima come fossero mani calde e fiammelle tremule a diradar le ombre del male accanto a noi. Lascerebbero il respiro di vita, i battiti incessanti, allontanerebbero l’ipocrisia ingoiata durante il giorno, donerebbero tutto l’Amore, quello di cui necessitiamo per dar un senso alle inutili ore, a queste nostre buie notti.

Giuseppe La Mura nov 2016
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

#piccoleStoriediAmore

carrozza

Potrebbe cominciare così una storia d’amore alla rovescia e con lieto fine, con lei che al primo appuntamento sbraita:
-” ascolta ma chi credi di essere, mi stai sui nervi, sai che ti dico ma vá a quel paese”-

Poi dopo poco lei lo ricontatta perchè vuol vederlo, lo chiama e gli chiede un appuntamento:
-“ciao ti chiedo scusa per la volta scorsa, sono isterica e stronza perchè mi piace esserlo e con te m’è partito l’embolo.
Pensavo di darmi la possibilità di recuperare la figuraccia e se ti andasse di venirmi a prendere ma dopo la mezzanotte. Ah, indosserò una cosa semplice, una shirt e una minigonna e soprattutto niente scarpette di cristallo, le odio. E niente carrozza. Passami a prendere in vespa.

Giuseppe La Mura nov 2016
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web