#piccoleStoriediAmore

mano

-“E dove andrai stanotte, cosa farai, chi incontrerai?”-

-“verrò da Te, a parlarti nei tuoi sogni, nei tuoi occhi, nelle tue lacrime. Domani quando sarai sveglia mi ritroverai ancora silenziosa nel tuo Cuore”-

Giuseppe La Mura ott 2016
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

Annunci

baci.jpg

E ogni notte cadi

Scendi lentamente

Pioggia dorata di lontane Stelle

Penetri tra le ferite vive che bruciano in me.

Zittisci i miei silenzi più assordanti

T’inabissi nei miei pensieri bui e profondi.

Tu

Sei sollievo d’un lieve vento caldo

E nasci lì negli anfratti intimi del Cuore

Che arde d’Amore e infiniti baci

E si poggiano dove non muore ancora il Sole.

Giuseppe La Mura ott 2016
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

#piccoleStoriediAmore

mano

Lei aveva tante serrature, blocchi all’Anima e allarmi nel Cuore. Troppe volte derubata, troppe volte fiduciosa e poi tradita e ingannata. Tante volte aveva amato senza esser mai stata accettata.
Ma per lui era tutto facile perchè non aveva chiavi, strategie,sotterfugi.
Lui amava Lei, trascorreva intere giornate a parlar con Lei. E Lei si apriva a Lui, come uno scrigno di perle, sorrisi, lacrime, baci.
E Lui accudiva il suo scrigno senza portar mai via nulla, aggiungendo anzi, tutto l’amore per Lei.

Giuseppe La Mura ott 2016
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

blu.jpg

Sei come l’onda d’un mare in tempesta

Ti spogli e ti rivesti

Torni, ritorni

t’infrangi e poi dormi.

E lacrimi a scomporti d’nfinite gocce.

Muori e rinasci all’alba di un altro Amore.

Risacchi m’accarezzi in mille brezze

Percuoti e spumeggi l’Anima.

E Ami

Affondando il giorno dentro di Me.

Giuseppe La Mura ott 2016
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

#piccoleStoriediAmore

seno

Non c’è alcun dubbio sul fatto che siamo fatti per errare. Siamo come campi minati dove ogni passo di avvicinamento dell’uno può essere l’ultimo passo dove l’altro lo farà esplodere. Ma amarsi allora diventa un gioco di pura fortuna oppure la volontà di entrambi di finirla con la guerra e mangiare grano e amore? E se uno poi uno dei due decide di tornare in guerra lo fa per difesa, o per il gusto di uccidere chi prima ha fatto il pane con te, chi ti ha baciato, errato e che ora non ti piace più? E se quelle mine che porti dentro uccidono più d’ogni guerra, cosa ti resterà tra le mani e l’Anima oltre alla cenere del tuo stupido, inutile orgoglio e rancore ?
Le migliori guerre che conosca sono quelle combattute a letto, tra lacrime asciugate da corpi e lenzuola. Le più belle mine sono i seni di una Donna che ti ama, le mani di un Uomo che ti stringe forte, gli abbracci stretti per far uscir tutte le inutili paure. Eppure, conosco persone che si ostinano ancora a giocar alle guerre, stupide inutili insulse guerre.
E l’Amore muore, per sempre.

Giuseppe La Mura ott 2016
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

silenzio

La notte cade silenziosa

Come pezzi di una intera vita

Densa di paure ed emozioni.

E il rancore ora è fatto d’invisibili travi

su cui poggiavi un immaturo Amore

crolli Tu e tutto ciò che eravamo

E su me muore il peso dei tuoi e miei errori.

Giuseppe La Mura ott 2016
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web