#piccoleStoriediAmore

collo

-“Esistono gli amori comuni, ma quelli non sono amori. sono surrogati che si spengono quando si spegne il desiderio della trasgressione. Guardali, girano per le strade senza un senso, sono amori spenti, stanchi, non si abbracciano, non si sussurrano ti amo, non si raccontano i desideri che serbano ancora nel cuore, non si fidano e confidano. Quelli sono oramai amori mai nati che si trascinano tra un letto e un altro, tra un tradimento e un’infedeltà. E prima o poi finiscono col cedersi e lasciarsi andare senza una meta, senza una bussola, senza qualcuno che li tenga per per mano. E quelle mani che ti stringono così forte fino a farti male, fino a farti sentire il calore giungerti dentro l’anima, quello è l’amore vero, che non conosce tregua, che lavora giorno e notte, che sopporta sbalzi d’umori e salta il muro delle incomprensioni. E’ fatto non da parole ma da gesti veri e sinceri, un abbraccio stretto che scioglie il ghiaccio, un sorriso mentre lacrimi, una carezza mentre ti arrabbi, per me questo è l’amore. solo questo.”-

-“sai quanti amori ho visto infrangersi sopra i muri dell’orgoglio? in genere sono questi i motivi dei fallimenti delle relazioni. O si è troppo orgogliosi, o si manca di fiducia e rispetto, o non c’è sincerità reciproca oppure non c’è dialogo soltanto perchè si vuol cambiare aria. Prima di arrivare ad una qualsiasi forma di legame bisognerebbe capire quanto si è disposti a cedere del proprio egoismo, delle proprie abitudini, del proprio cuore all’altra persona. Ma non èp sempre così facile. ci scappa il sesso, gli istinti prendono il sopravvento e si finisce col credere che l’amore sia quello. il desiderio e basta.”-

-“senti, andiamo a farci una passeggiata al mare? mi porti su quella montagna dove hai fatto le tue stupende foto di quel panorama mozzafiato? portami l’ e così potrò capire i sensi dei tuoi strapiombi, dei tuoi vuoti, delle tue mancanze e assenze, della tua anima. ho voglia di mescolarla con la mia. ho voglia di unirla e sentirla stretta dentro la mia”-

-“andiamo, si. vediamo com’è la tua anima stretta e dentro la mia, fusa nei baci che ho voglia di strapparti e assaporarti da quelle labbra”-

Giuseppe La Mura ago 2016
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web
Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...