Ciò che voleva

Era compiuto.

Persi l’Anima mia

volontariamente.

La affogai nel mare

nel ricordo dei suoi occhi.

E tutto ciò che restò

Fu vanagloria

D’ insulsa vittoria

Giuseppe La Mura lug 2016
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

Annunci


Siamo mai giunti?

Noi

Di un viaggio che non c’è stato

Di un treno mai partito arrivato esistito

Di un biglietto mai obliterato…

eppure

Apro il cuore e trovo indumenti d’umore

Cartoline e mappe con viaggi d’amore

camice sporche di vanità e orgogli

come labbra di rossetto

A coprire sconfitte e vittorie.

No

non siamo mai esistiti

siamo stati soli, sempre,

a masturbarci le solitudini

a sfiorarci le più recondite illusioni.

Giuseppe La Mura lug 2016
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: Web

#piccoleStoriediAmore

Credo, perchè lo sento dentro di me come un diluvio interminabile, di aver dato tutto di me a questa vita. Se scrivo ancora è perchè i rumori sono troppi, i silenzi infiniti, le attese finite e le parole sono tante. Ma appena troverò il coraggio di farle zittire, in fondo a queste inutili pozzanghere di mare blu immensamente puro, soltanto allora sarà per sempre.

Giuseppe La Mura lug 2016
testo: copyright legge 22 Aprile 1941 n°633
photo: la mura giuseppe